Frise Integrali in Bandiera di Verdure

Le Frise Integrali in Bandiera di Verdure sono un contorno adatto all’estate, che può anche diventare un ottimo piatto unico. Con il caldo non si ha voglia di cucine elaborate, per cui optiamo per la semplicità. Questo piatto risulta invitante e fresco grazie alla presenza delle zucchine, dei peperoni e delle melanzane. E’ anche ottimo da assaporare freddo, per cui ideale per chi non riesce a mangiare cibi caldi in estate. La bandiera potete predisporla la sera e poi il giorno seguente per pranzo porla sopra le frise. 🙂

Vi chiederete: perchè in bandiera? Bandiera è il nome che dalle nostre parti si utilizza per indicare la fricassea di verdure. 🙂 Noi abbiamo svelato l’arcano e voi…

… gustatevi la ricetta!! 🙂

INGREDIENTI per 4 persone:

8 frise integrali

1 cipollotto

3 zucchine

1 peperone

1 melanzana

3 pomodori freschi

1 cucchiaio d’olio extra vergine di oliva

sale e pepe

PROCEDIMENTO:

  • Lavare e tagliare le verdure grossolanamente. Porle in una padella con’olio extra vergine di oliva, tutte insieme. Aggiustare di sale e pepe. Far cuocere a fiamma moderata per 20 minuti circa.
  • Prendere le friselle, bagnarle per 30 secondi in acqua corrente, adagiarle su un vassoio da portata e metterci sopra la bandiera di verdura. Il piatto è pronto per essere servito.

 VINO CONSIGLIATO: Franciacorta Satèn (bianco, Lombardia)

Frise Integrali in Bandiera di Verdure

PER ALTRE RICETTE SEMPLICI E TRADIZIONALI, PROSEGUITE LA NAVIGAZIONE, TORNANDO ALLA HOME DEL BLOG.

Se vi sono piaciute le Frise Integrali in Bandiera di Verdure, seguiteci anche sulla nostra pagina facebook!!! 🙂

Precedente Dolcetti al cocco Successivo Treccia salata con speck e groviera

10 thoughts on “Frise Integrali in Bandiera di Verdure

  1. elisa e fabio il said:

    Io vorrei commentare più che la ricetta questo nuovo stile…assolutamente fantastico!!!! w il rosa! w le donne! w le sorelle!!!!

  2. Ciao Marta, come vedi non ho aspettato domani a venire a trovarti. Ho guardato un po’ delle tue ricette e ovviamente non posso che dire bellissime. Mi piace l’uso frequente dei funghi, li adoro, il capriolo non l’ho mai assaggiato ma presuppongo che sia una squisitezza, le polentine col tartufo una vera raffinatezza, ma ….. in questa tua ricetta stai giocando con i miei ingredienti: la frisa (tipicamente pugliese) e mi lascia un pochino perplessa, Non credi che sia un po’ troppo dura da mangiare così? Io non ho mai visto un pugliese mangiare una frisa asciutta, anche se condita, mi sa che qui dovrò darti qualche lezione sul modo migliore di gustare una frisa. 😀 Siete bravissime e credo che non siate le uniche che le consumiate come un crostino. Ci rivedremo presto avete tante belle ricette.

    • cucinaconmiasorella il said:

      Qua sei tu l’esperta, devo dire che così a me era piaciuta molto ma se hai consigli su come apprezzarle maggiormente ben vengano!!!! Siamo sempre aperte al miglioramento. Siamo delle dilettanti appassionate!!! 😀
      Grazie mille per il commento e la visita. A presto e baci

      • Rieccomi qui, puntualissima :D. Le frise prima di essere condite, vanno leggermente inzuppate in acqua, ma qui ci vuole arte ahahahah, perché se sbagli divengono una pappetta. Devono essere di buona qualità, quindi di solo grano duro pugliese, indipendentemente se sono integrali oppure no, o meglio ancora di farina di orzo. Quindi ritorniamo all’inzuppo, vanno immerse per pochissimo tempo in acqua, quel tanto che basta, per renderle più morbide, ma senza farle sfaldare, condiscile con del pomodoro, un pizzico di sale, abbondante olio evo, e sono già stupende (rispettando rigorosamente la sequenza :D). Ma se ti ritrovi vicino al mare, che non sia inquinato, inzuppale nell’acqua di mare, pomodoro e olio e sei in paradiso. 🙂

Lascia un commento