Crea sito

Spaghetti con cavolo fritto, olive e capperi

Print Friendly, PDF & Email

Cercavamo un primo piatto sfizioso, pratico e soprattutto delizioso. Lo abbiamo trovato, su consiglio di Adriana Donadio, buona forchetta e cake designer. Ci ha proposto spaghetti con cavolo fritto, olive e capperi, garantendo una forchettata di bontà in pochi minuti. E’ un piatto tipico della cucina napoletana antica in chiave moderna: il cavolo mantiene tutte le sue proprietà benefiche, prima tra tutti quella antireumatica, e soffritto in padella assume una nota di sapore decisa, che invita a consumarne in gran quantità.

Tempo di preparazione: 15 minuti

Tempo di cottura: 25 minuti

Spaghetti con cavolo fritto, olive e capperi

Spaghetti con cavolo fritto, olive e capperi

INGREDIENTI

  • 1 cavolo
  • 250 gr di spaghetti
  • 200 gr di olive di Gaeta
  • 100 gr di capperi
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 peperoncino
  • Olio
  • Sale q.b.

PREPARAZIONE

Prima di tutto lavate il cavolo e fatelo in pezzi più piccoli. Ponetelo in una pentola a vapore e lasciatelo ammorbidire per 10 minuti, (in alternativa dategli un bollo in abbondante acqua). Poi soffriggetelo in una padella con un cucchiaio di olio e uno spicchio di aglio. Quando si sarà dotato, aggiungete progressivamente le olive e i capperi.

Spaghetti con cavolo fritto, olive e capperi

Gli spaghetti con cavolo fritto migliorano la pausa pranzo

Infine sminuzzate un peperoncino che darà quel tocco di piccantino in più. Lasciate cuocere giusto un’altra decina di minuti. In una pentola mettete a bollire l’acqua con il sale, cuocete gli spaghetti e una volta corti, scolateli e saltateli in padella con il cavolo, i capperi e le olive.

Spaghetti con cavolo fritto, olive e capperi

Servite, se gradite, con una spolverata di parmigiano grattugiato. Gli spaghetti con cavolo fritto, olive e capperi vi sorprenderà!

Alla prossima portata…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.