Crea sito

Crepes alla Nutella, dolce risveglio

Print Friendly, PDF & Email

Le crepes possono essere mangiate dolci o salate: a base di uova e burro, richiamano i sapori ed i profumi della Francia. Il termine crepes, in italiano crespella, viene dal latino crispus, che vuol dire arrotolato, arricciato, rimandando alla forma della cialda arricciata sul fuoco. Erano dolci regalati dai mezzadri ai loro padroni in senso di amicizia nel giorno della Candelora. Ben presto sono diventati uno dei simboli della Francia e si sono diffuse in tutto il mondo.

Ipernutritive, le crepes sono alla base di ricette deliziose e ricche di fantasia. Quanti sono stati almeno una volta a Parigi non avranno potuto fare a meno di provare una bella crepes alla nutella o una salata al prosciutto e formaggio. Prepararle a casa è semplicissimo, basta avere una pentola creperie di diametro 33 cm e una buona dose di pazienza nel girare la crepes una volta cotta su un lato. Noi le abbiamo provate a cucinare dolci con un ripieno alla Nutella. Davvero ottime a colazione con un buon cappuccino.

crepes

Crepes alla nutella

INGREDIENTI PER  6 CREPES

-2 uova

-30 gr di zucchero

-125 gr di farina

-25 cl di latte

-20 gr di burro fuso

PREPARAZIONE

In una terrina sbattete le due uova con lo zucchero, la farina ed il latte aiutandovi con una frusta o uno sbattitore elettrico. Ottenuto un composto omogeneo, lasciatelo riposare per mezzora. Trascorso il tempo di posa, unite al composto il burro fuso. Ungete una creperie di burro, riscaldatela e versatevi una cucchiaiata di composto, muovendo la pentola in modo tale da far sì che il composto ricopra tutto il diametro.

Il segreto di una buona crepes è nella cottura: croccante, ma non bruciacchiata

Lasciate cuocere a fuoco lento la vostra crepes, scuotendo in senso circolare la creperie per far staccare la crepe dal fondo della pentola. Girate la crepe con l’aiuto di una paletta in silicone. Impiattate le crepes e una volta raffreddate, riempitele di Nutella, partendo dal centro della crepes. Chiudetela a portafoglio, cioè piegandola in quattro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.