Crea sito

‘Ngute di Pasqua calabresi

La ‘Nguta di Pasqua (o anche Sguta, cuzzupa, cudduraci, cucculi, cuiuri) è un dolce calabrese tipico del periodo pasquale. Viene preparato in diverse parti della Calabria, con nomi e forme diverse, ma in particolar modo nella Locride e nel resto della provincia di Reggio Calabria. Questo dolce ha come elemento decorativo l’uovo sodo, simbolo di fertilità, natura e ritorno alla vita. Si tratta di una ricetta molto antica, tipica della Calabria greca, ed è legata alla Quaresima. In questo periodo di penitenza non si potevano consumare cibi di origine animale, come appunto le uova (assieme a carne e latticini).
Il giorno di Pasqua queste ultime, tenute da parte durante i giorni precedenti, venivano usate per la preparazione della classica frittata o per creare le ‘ngute. La tradizione grecanica vuole che questo dolce venisse regalato dalle ragazze ai rispettivi fidanzati. Il numero di uova sulla ‘nguta doveva essere sempre dispari e la loro quantità indicava la ricchezza della famiglia. Oggi viene preparato da famiglie e panifici durante la Settimana Santa per poi essere consumato i giorni di Pasqua e Pasquetta. Scopiamo insieme quindi come si prepara questa ricetta pasquale!

'Ngute di Pasqua
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo6 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • PorzioniPer 10 ‘ngute circa
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti per l’impasto delle ‘ngute di Pasqua:

  • 1 kgFarina 00
  • 25 gLievito di birra fresco ((oppure 100 g di lievito madre) )
  • 250 gZucchero
  • 4Uova
  • 1 bicchiereOlio extravergine d’oliva ((circa 125 g))
  • 50 gLatte
  • 1Scorza d’arancia ((grattuggiata))

Per decorare:

  • 1Tuorlo ((per spennellare))
  • q.b.Uova sode

Preparazione ‘Ngute di Pasqua:

  1. Impasto ngute di pasqua

    Per iniziare disponiamo a fontana su un piano la farina, alla quale aggiungiamo la scorza d’arancia grattugiata. A parte, in una ciotola, mescoliamo le uova, lo zucchero e l’olio extra vergine d’oliva con uno sbattitore (o la forchetta).

  2. Aggiungiamo alla farina, poco per volta, il composto di uova assieme al lievito di birra sciolto in un po’ di latte tiepido (oppure il lievito madre). Impastiamo energicamente per circa 30 minuti, aggiungendo man mano il tutto, fino a formare un composto liscio e omogeneo. Cerchiamo di aggiungere farina o latte quanto basta se ci rendiamo conto che la consistenza non è quella desiderata. A questo punto formiamo le singole ‘ngute.

  3. 'Ngute di Pasqua: letto

    Stacchiamo dei pezzi di impasto e diamogli la forma che desideriamo: a ciambella, a treccia, a fiocco e così via. Date sfogo alla fantasia e inserite l’uovo sodo nell’impasto a piacere. Quest’ultimo dovrete già averlo cotto e fatto raffreddare in precedenza. Posizioniamo ognuna delle ‘ngute nel cosiddetto letto, cioè sopra una tovaglia pulita, cosparsa di farina e piegata a metà per poi coprirle. Ricopriamo il tutto con delle coperte pesanti e facciamo lievitare per almeno 6 ore.

  4. 'Ngute di Pasqua: teglia

    Una volta lievitati, posizioniamo i nostri dolci ben distanziati in delle teglie ricoperte di carta forno. Spennelliamo il tutto con un po’ di tuorlo sbattuto con del latte. Adesso inforniamo per 25-30 minuti nel forno preriscaldato a 180°. Nel momento in cui avranno un bel colore dorato potremo toglierle dal forno.

  5. 'Ngute di Pasqua: a riposo

    Di solito, dopo la cottura, le ‘ngute si lasciano riposare nel forno spento, con la porta aperta, o avvolte in un canovaccio per continuare la cottura con il calore residuo.

Consigli Utili:

Durante la cottura se notate che le ‘ngute tendono a prendere colore troppo velocemente, con il rischio di bruciarsi, copritele con un foglio di carta stagnola.

La ricetta classica ha ovviamente delle varianti, infatti c’è chi aggiunge all’impasto un bicchierino di vermouth, rhum o liquore tipo strega.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.