Crostini di polenta

I crostini di polenta sono un antipasto sfizioso e saporito, ma ottimi anche serviti con un aperitivo, oppure come primo. Un piatto decisamente invernale, colorato e appetitoso, perfetto da inserire nel menù natalizio.

Non ho mai conosciuto nessuno a cui non piacesse la polenta, saziante e versatile si presta alla preparazione di innumerevoli piatti. Per realizzarla ho usato una farina di mais istantanea, biologica e precotta a vapore, cotta nel brodo vegetale e farcita con un “formaggio spalmabile “a base di mandorle e cavolo cappuccio viola al vino bianco. Perfetta per tutti, ideale per vegani, vegetariani e celiaci.

Il mais o granturco è un cereale che fa parte della famiglia delle Graminacee ed è arrivato in Europa dopo la scoperta dell’America. In Italia è usato soprattutto al nord dove il consumo di polenta è più diffuso. La farina che si ricava dalla macinazione dei chicchi è priva di glutine, ricca di fibre, soprattutto se usata integrale, fonte di ferro e acido folico.

Crostini di polenta
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni5
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàInverno

Ingredienti

Crostini di polenta

200 g farina di mais (istantanea)
800 g brodo vegetale
200 g cavolo cappuccio (viola, pulito)
50 g porro
5 cucchiai olio extravergine d’oliva
150 g formaggio spalmabile (vegetale)
70 g acqua
30 g vino bianco
3 g sale marino integrale (fino)

Strumenti

Crostini di polenta

1 Pentola
1 Terrina 10x15x7
2 Padelle
1 Mandolina
1 Ciotola
1 Frusta a mano
1 Tagliere

Passaggi

Crostini

Versate la farina di mais a pioggia nel brodo caldo e già salato, mescolando con la frusta in modo che non si formino grumi. Raggiunto il bollore, cuocere per un paio di minuti e spegnete. Inoltre aggiungete due cucchiai d’olio e mescolate.

Crostini

Dopodiché, ungete una terrina retangolare oppure uno stampo per plumcake, con un cucchiaio d’olio, quindi versatevi dentro la polenta. Livellate e scuotete bene, in modo da compattarla, poi lasciate raffreddare.

Crostini

Nel frattempo, tagliate finemente il cavolo cappuccio con la mandolina.

Ora, lavate e tagliate a rondelle il porro, poi mettetelo nella padella con un pizzico di sale e due cucchiai d’olio, fate soffriggere, poi unite qualche cucchiaio d’acqua e lasciate ammorbidire.

Successivamente, unite il cavolo, 50gr. d’acqua e il sale, poi coprite e fate cuocere per una decina di minuti, al termine sfumate con il vino bianco e fate rosolare a fuoco vivo.

Trascorso il tempo necessario, rovesciate la polenta sopra un tagliere e tagliatela a fettine spesse circa 1 cm.

Crostini

Infine, farcite ogni fettina con uno strato di “formaggio spalmabile”, (in questo caso a base di mandorle) e guarnite con il cavolo. Servite a temperatura ambiente o tiepidi.

Se preferite, prima di farcirle potete abrustolire leggermente le fette, in una padella calda, con un filo d’olio.

Conservazione

La polenta si conserva per due o tre giorni in frigorifero, coperta con pellicola.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cucinachetipassa

Ciao sono Oriana , mi piace cucinare da sempre , quando ero bambina , la domenica mattina ,mi sedevo in cucina per guadare la nonna mentre impastava e preparava il ragù... guai a toccare però !!! Quando cucino il tempo vola , passa leggero e mi libera la mente . Prendersi il tempo per cucinare è un modo per aver cura di se . I miei sono piatti semplici con ingredienti di qualità e di stagione .