Come utilizzare le croste del parmigiano

 

Del parmigiano non si butta nulla, le croste hanno moltissimi usi in cucina…..continuate a leggere questo articolo e lo scoprirete.

Per prima cosa bisogna raschiare via la parte esterna , dove c’è la marchiatura, utilizzando un coltello non dalla parte dentellata ma dal dorso.

IMG_3565

(immagine presa liberamente dal web)

Usi:

– nel minestrone da molto sapore e poi sono molto buone da mangiare, con la cottura si ammorbidiscono, considerate una crosta per ogni commensale

– mangiarle cosi come sono….. fate solo attenzione ai denti…..

– nel sugo di pomodoro per renderlo più gustoso (basta una crosta per ogni bottiglia di passata di pomodoro).

– nel brodo per renderlo più saporito.

– nel riso, tagliate una crosta a dadini molto piccoli e dopo aver fatto soffriggere la cipolla aggiungetela e sfumate con il vino e procedete normalmente.

Le croste si possono tranquillamente surgelare dopo aver raschiato la parte esterna e mettetele ancora surgelate nel minestrone o nel brodo.

Se decidete di utilizzarle per il riso conviene usarle fresche o tagliarle in precedenza a dadini piccoli.

Avete visto quanti usi e quanto gusto ai vostri piatti? mi raccomando da ora non buttatele più via e prendete il vizio quando comperate il parmigiano di chiedere se hanno delle croste da vendervi, le surgelate e all’occorrenza sono pronte.

Se le utilizzate in altre preparazioni scrivetemelo nei commenti cosi lo aggiungerò alla lista!

Volevamo ringraziarvi tutti per i vostri consigli. GRAZIEEEE

Daria ci suggerisce di mettere a bagno nel latte le croste per farle ammorbidire e poi usarle nel riso e di non buttare il latte ma di mescolarlo al riso.

Francesca di suggerisce di tagliarla a dadini e scioglierla nel microonde, mangiarla subito altrimenti si indurisce nuovamente.

Monica invece anche lei suggerisce il microonde oppure il forno a legna.

Annalisa ed Antonella le usano quando cuociono la minestra di patate.
Mary  le mette sulla griglia del barbecue mentre  mangiano la grigliata.
Sam ci dice:  il forno tradizionale. Un pezzo di carta da forno e il tempo in base al gusto. Breve risulta gommosa; lungo viene leggermente abbrustolita e il sapore è un pizzicchino amarognolo ma sempre buonissime e untuosissime.
Gemma: nel minestrone o filante.
Angelo ci suggerisce:  nella pasta al forno insieme a bocconcino e prosciutto ci metto dei dadini di scorza di parmigiano. Una decina di pezzettini, o in base al desiderio, non troppi comunque altrimenti la pasta acquista un odore diverso dal solito.
Nella cottura tra salsa e altri ingredienti i pezzetti diventano morbidi e gustosi, e si fa a gara a chi ne trova di più nel proprio piatto.

Vi potrebbe anche interessare:

24 Risposte a “Come utilizzare le croste del parmigiano”

  1. Hai mai provato a tagliarla a dadini e scioglierla nel microonde?!?! E’ favolosa, ovviamente da mangiare calda altrimenti diventa durissima 😉

  2. Io le faccio andare dieci secondi nel micro…. si gonfiano.. buonissime!!! occhio a non pelarvi la lingua però! Meglio ancora se avete un forno a legna, li vengono ancora più buone!

  3. Mio marito le mette sulla griglia del barbecue mentre ci mangiamo la grigliata….Da noi si dice: “La lengua non l’e’ mai straca se non la sa de aca”. Traduco: un pranzo non è soddisfacente, se non finisce con un po’ di formaggio. Ciao

  4. Alternativa al micro: il forno tradizionale. Un pezzo di carta da forno e il tempo in base al gusto. Breve risulta gommosa; lungo viene leggermente abbrustolita e il sapore è un pizzicchino amarognolo ma sempre buonissime e untuosissime. Ciao 🙂

  5. Io le ricordo i filate con una forchetta e fatte rosolare sul fuoco del fornello. Vi assicuro erano buonissime e con i mei fratelli ce le litigavamo. Ora nel minestrone….

      1. Io le compro anche già belle pulite dal mio fornitore al mercato ,le grattugio con il vecchio grattugino a manovella e recupero un sacco di prodotto pronto per la formaggera, quello che rimane delle croste le metto in un vasetto di vetro e le copro di brodo (va bene anche acqua) quando ho la minestra calda nel piatto le aggiungo e in un attimo sono calde e filanti ,squisite.
        ciao
        Mario

  6. Allora, vi lascio la mia personale idea. Nella pasta al forno insieme a bocconcino e prosciutto ci metto dei dadini di scorza di parmigiano. Una decina di pezzettini, o in base al desiderio, non troppi comunque altrimenti la pasta acquista un odore diverso dal solito.
    Nella cottura tra salsa e altri ingredienti i pezzetti diventano morbidi e gustosi, e si fa a gara a chi ne trova di più nel proprio piatto.
    PS. Per una mezz’ora il tegame è coperto da carta argentata. Non mettete i pezzi sulla parte posteriore, bensì all’interno. Vi assicuro che sono saporiti, io ne vado ghiotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.