Arancini di riso, ricetta finger food

 

Oggi ho preparato gli arancini di riso, all’interno mozzarella e prosciutto….risultato ottimiiiiii

Tovaglioli e piattini della foto finale sono EcoBioShopping.

arancini

Ingredienti per 10/15 arancini dipende dalla dimensione:

500 grammi di riso

100 grammi di mozzarella

1 fetta spessa di prosciutto

4 uova grandi

1 bustina di zafferano

4 cucchiai abbondanti di parmigiano

sale

pepe

pangrattato

farina 00

olio per friggere

In una casseruola lessate il riso, lasciandolo al dente.

Prendete la mozzarella e tagliatela a dadini e mettetela sopra un foglio di carta assorbente in modo che scoli bene.

Tagliate a dadini la fetta di prosciutto tagliata spessa.

Scolate il riso e mettetelo in una grosso contenitore, aggiungete la bustina di zafferano precedentemente sciolta in poca acqua tiepida, girate bene.

Al composto aggiungete 2 uova, il parmigiano e regolate di sale e pepe, girate bene e fate raffreddare bene il composto, io lo preparo un giorno per l’altro.

Se avete del risotto allo zafferano potete utilizzarlo tranquillamente, anzi saranno degli arancini di riso ancora più saporiti.

Ora bagnatevi le mani e prendete un po’ di riso schiacciatelo sul palmo della mano, al centro mettete dei pezzi di mozzarella e dei dadini di prosciutto, chiudete l’arancino con altro riso e formate una palla.

Fate questo lavoro con tutto il riso che avete a disposizione.

Passate gli arancini di riso nella farina.

Sbattete le restanti due uova con poco sale, passate gli arancini infarinati nell’uovo e nel pangrattato per finire.

In una padella mettete a scaldare dell’olio per frittura e quando è a temperatura fate friggere gli arancini di riso.

Scolate gli arancini di riso su fogli di carta assorbente e gustateli belli caldi.

Precedente Quaglie in padella, ricetta veloce Successivo Dolci di carnevale, raccolta di ricette golose

6 commenti su “Arancini di riso, ricetta finger food

  1. Le “arancine” sono un “cibo di strada” molto diffuso in Sicilia ma la loro maternità è assolutamente Palermitana dove, correttamente, prendendo il nome dal frutto (appunto l’arancia) il loro nome è al femminile, l'”arancina”. Le più consumate sono quelle “al burro” e quella “alla carne”. Le prime sono preparate con un ripieno di mozzarella, burro e prosciutto a cubetti. Le seconde con il ragù di carne. Ormai esistono decine di gusti diversi ma sono solo simil-derivazione delle due più classiche, che nulla hanno a che fare con le originali. Un pò come il Panettone Classico e quelli preparati con creme di ogni tipo e colore.
    Non c’è paragone!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.