Spaghetti alla carbonara

Spaghetti alla carbonara

Stiamo parlando di uno dei piatti più tipici della cucina italiana, gli spaghetti alla carbonara, come i bucatini alla amatriciana, sono conosciuti in tutto il mondo. Spesso viene servita con numerose variabili che però non rappresentano la ricetta originale, come l’uso della pancetta, o della cipolla, come dell’aglio, ma la ricetta classica è una sola. Fornitevi di buon guanciale e di pecorino romano, essendo proprio tipica di Roma questa ricetta, e conquisterete tutti a tavola. Certo non è un piatto leggero, ma un piatto unico che , insieme ad un contorno di verdura fresca o cotta, ogni tanto fa la gioia di tutti i palati. Io ho messo poco pepe, essendo destinata anche ai bimbi, ma voi potete abbondare se vi piace.
Mettiamoci al lavoro con :
400 gr di spaghetti
200 gr guanciale
4 uova
pizzico di sale
50 gr di pecorino romano
pepe quanto vi piace
Mettiamo a bollire l’acqua con il sale e , quando è il momento, buttiamo la pasta. In una padella antiaderente calda mettiamo il guanciale che abbiamo tagliato a cubetti. Lasciamo che il grasso si sciolga per bene rendendo croccante il guanciale. Io scolo il grasso per alleggerire un po’ il piatto. In una ciotola sbattiamo leggermente le uova con il sale. Scoliamo la pasta e saltiamola qualche minuto nella padella con il guanciale per farla insaporire bene. Uniamo le uova sbattute, e metà del pecorino. Mescoliamo molto bene e uniamo il restante formaggio. Questi ultimi passaggi fateli togliendo la pentola dal fuoco altrimenti cuocerete le uova. Unite il resto del pecorino, ma fate attenzione a non rendere gli spaghetti troppo asciutti, bilanciando voi la quantità di pecorino da aggiungere. Terminiamo con una bella spolverizzata di pepe e serviamo gli spaghetti alla carbonara ben caldi.
Se vi piacciono le mie ricette e volete restare aggiornati venite a trovarmi nella pagina facebook!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.