focaccine al philadelphia

focaccine al philadelphia
focaccine al philadelphia

 focaccine al philadelphia

Le focaccine al philadelphia sono delle focaccine morbide ideali per le colazioni o le merende a scuola dei nostri ragazzi.

Molto delicate proprio perche’ preparate con un formaggio spalmabile che si presta molto bene.
Le potrete farcire a vostro piacere dopo cotte, ma le possiamo farcire prima della cottura con olive. erbe varie!!!
Io ho usato l’esubero di lievito madre, ma potete prepararle anche con pm rinfrescata.
Per chi ha pasta madre solida: 180 gr di esubero di pm solida e toglierà 60 gr di farina.

Per chi volesse farle con lievito di birra: preparate un lievitino con 60 gr di farina 0, 60 gr di acqua e 10 gr di ldb fresco. Aspettate il raddoppio e procedete con la ricetta.
Mettiamoci a lavoro con per 15 focaccine
550 gr di farina 0 ( 11% proteine)
150 gr di philadelphia
120 gr di esubero di lievito madre liquido
260 gr di latte
3 cucchiai di olio di oliva
1 cucchiaino di malto
10 gr di sale
Prepariamo le nostre focaccine al philadelphia: nella ciotola della planetaria, mettiamo il lievito, il malto ed il latte. Facciamo sciogliere.
Aggiungiamo il philadelphia, facciamolo sciogliere e mettiamo la farina. Lavoriamo fino ad ottenere un impasto liscio e consistente. Mettiamo anche il sale e l’olio a filo, facendolo assorbire bene.
L’impasto sarà leggermente appiccicoso.
Ribaltiamolo sull’asse leggermente infarinata e raccogliamolo a palla, che metteremo a lievitare in una ciotola unta, chiusa con coperchio, in frigo fino al giorno dopo. Se volete lasciate lievitare a temperatura ambiente per circa 5 ore, fino al raddoppio.
Togliamo l’impasto dal frigo, lasciamo acclimatare circa un’ ora, stendiamolo aiutandoci con il mattarello, sull’asse leggermente infarinata, in una sfoglia di circa 7-8 mm.
Tagliamo le focaccine al philadelphia, usando un coppapasta.
Mettiamole a lievitare in una teglia rivestita di carta forno fino al raddoppio, circa 3 ore.
Inforniamo dopo aver spennellato con una salamoia di acqua ed olio e praticato con le punta delle dita, le classiche fossette, a 200′ per circa 15′-20′.
Clicca mi piace in Creando si impara !!!

Precedente triglie in guazzetto di agrumi Successivo babà al rum con lievito madre

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.