brioche al latte condensato

brioche al latte condensato
brioche al latte condensato

brioche al latte condensato

Le brioche al latte condensato, sono state una rivelazione per me, dolci e morbidissime, saranno le nostre brioche preferite da ora in poi!!
Avevo del latte condensato che stava per scadere, mia figlia che chiedeva le brioche per la colazione, e ne è uscito fuori questo capolavoro di sofficità e delicatezza!!
Per chi ha pasta madre solida: 150 gr di pm solida e toglierà 50 gr di farina.

Per chi volesse farle con lievito di birra: preparate un lievitino con 50 gr di farina 0, 50 gr di acqua e 12 gr di ldb fresco. Aspettate il raddoppio e procedete con la ricetta.
Mettiamoci a lavoro con
500 gr di farina w 330 (Molino Rossetto)
100 gr di lievito madre liquido, rinfrescato e raddoppiato
170 gr di latte condensato dolce ( un tubo)
100 gr di latte
50 gr di zucchero
2 uova
80 gr di burro
scorza di un limone grattugiata
una bustina di vanillina
Prepariamo subito le nostre brioche al latte condensato: nella planetaria, riuniamo il lievito con lo zucchero ed il latte. Facciamo sciogliere. Aggiungiamo le uova.
Aggiungiamo anche il latte condensato, gli aromi e facciamo amalgamare.
Mettiamo la farina e lavoriamo bene per circa 10′.
L’impasto incorderà subito.
Inseriamo il burro in tre volte fino a completo assorbimento.
Mettiamo a lievitare il nostro impasto, in una ciotola coperta, per circa 6 ore, fino al raddoppio.
Stendiamo l’impasto delle brioche al latte condensato, ormai lievitato, sull’asse da lavoro leggermente spolverata di farina, ad uno spessore di circa 8 mm.
Ritagliamo i nostri cornetti e mettiamoli a lievitare in una leccarda da forno, rivestita di carta forno, fino al raddoppio, circa 6 ore.
Io con i ritagli, ho fatto dei rotolini e ho fatto dei nodi.
Spennelliamo con un po’ di latte ed inforniamo a 180′ per circa 15′.
Clicca mi piace in Creando si impara!!

Precedente veneziane alla crema Successivo tramezzini di carne

2 commenti su “brioche al latte condensato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.