Crea sito

Spezzatino ai funghi

Lo spezzatino ai funghi non l’avevo mai fatto, ma visto l’arrivo dell’autunno ho deciso di sperimentare.
Già perchè con le prime giornate uggiose per me ci sono dei classici must, e lo spezzatino è uno di quelli.
Buonissimo da mangiare con un bel sughetto e magari accompagnato da qualche canederlo di pane o una fetta di polenta.

Spezzatino ai funghiIngredienti per 2 persone:
300 gr di spezzatino di vitello
300 gr di passata di pomodoro
250 gr di brodo
300 gr di funghi (nel mio caso champignon surgelati)
un cucchiaino di crema di peperoncini (potete sostituirla con del peperoncino o se volete un piatto non piccante basta usare della paprika dolce)
prezzemolo
un bicchiere di vino bianco
aglio, cipolla, sedano, carota
arostina
farina

Spezzatino ai funghi

Procedimento:
Io ho preso la carne di vitello già tagliata, ma eventualmente se avete un blocco unico basta farla a dadoni e successivamente passarla nella farina.
Passiamo a preparare il soffritto, lavate e tritate mezza cipolla, un gambo di sedano e due carote.
Ponete il trito in una padella con un pò di olio di semi e fate soffriggere, dopo qualche minuti versate lo spezzatino e fatelo rosolare.
Sfumate il tutto con il vino bianco ed una volta evaporato unite il brodo, la passata, la crema di peperoncini, salate ed insaporite con dell’arostina.
Lasciate che lo spezzatino cuocia a fuoco dolce per 40 minuti.
Nel mentre potete preparare i funghi ponendo una padella sul fuoco con un goccio di olio ed uno spicchio di aglio.
Una volta rosolato, togliete l’aglio e versate i funghi.
Cuoceteli aggiungendo qualche mestolo di acqua calda per almeno 15 minuti, durante la cottura io ho aggiunto del brodo granulare per insaporire.
Un minuto prima di fine cottura versate il prezzemolo lavato e tritato.
Trascorsi i 40 minuti di cottura dello spezzatino versate insieme anche i funghi e fate cuocere per altri 5-10 minuti o comunque fino a quando la carne sarà cotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.