Flan di gobbi: ricetta semplice di riciclo

Flan di gobbi o cardi, a me piace tantissimo e , ultimamente, l’ho proposto come assaggio caldo per un aperitivo a casa. Ricordo che mia mamma lo preparava spesso in Inverno e lo cuoceva in un vecchio stampo di latta che era appartenuto alla nonna Maglina e che oggi conservo io. Sempre morbido e umido all’interno, grazie alla cottura a bagno maria, è un piatto completo che si prepara con uova, formaggio, latte e farina per la besciamella. E’ probabile che mia mamma lo preparasse per farci mangiare le tanto odiate verdure…si sa che i bambini hanno gusti particolari e alcune verdure come gobbi, cicoria e carciofi , ad esempio, hanno un sapore amarognolo. Nel flan, grazie alla besciamella, questo amaro non si sentiva più e la missione “far mangiare le verdure” era compiuta.

Oggi il mio flan è un piccolo sformato monoporzione, molto semplice e veloce da preparare. Spesso cucinato con le verdure che ho lessato e che sono avanzate. Per dare loro una seconda vita. Se volete provare anche voi vi lascio ingredienti e procedimento.

Ingredienti per 3 flan: circa 500 gr di gobbi lessati, 1 uovo, per la besciamella: 500 ml di latte p.s. 50 gr di farina 00 50 gr di burro + quello per imburrare gli stampini 3 cucchiai di parmigiano grattugiato pangrattato sale

In una casseruola scaldare il latte fino al raggiungimento del bollore. Sposta il latte caldo in un contenitore e nella casseruola metti a sciogliere il burro, aggiungi la farina mescolando con una frusta e poco a poco il latte. Porta a bollore e sala la besciamella.

In un mixer metti i gobbi a pezzetti, l’uovo, il formaggio grattugiato e la besciamella tiepida. Fai sminuzzare fino ad avere una crema . Se ti sembra troppo liquida aggiungi del pangrattato. Assaggia di sale.

Imburra gli stampini e spolverali con pangrattato. Riempili con il composto fino a metà dell’altezza. Versa in una teglia dell’acqua tiepida, posiziona gli stampini in modo che siano bagnati fino a metà della loro altezza ed inforna a 160° per circa 50 minuti. Fai la prova stecchino per verificare la cottura.

Da servire tiepidi, anche con una fonduta di formaggio assieme.

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Translate »

Enjoy this blog? Se vi piace il blog condividetelo!