Coniglio nostrale in bianco con i cucunci

Coniglio nostrale cucinato in bianco con i cucunci. La nostralità del coniglio è garantita dall’amico che ce l’ha venduto ma cosa sono i cucunci? Qualcuno, non proveniente dalla Sicilia, magari se lo sta domandando. E io sono qui (anche) per questo. Il nome botanico della pianta del cappero è Capparis Spinosa e si tratta di un arbusto molto comune in Italia. Questa pianta è originaria dell’Asia ma si è adattata molto bene al clima e alla struttura territoriale mediterranee. Nel bacino del Mediterraneo, la pianta del cappero si trova principalmente allo stato selvatico ed è molto comune in Sicilia e nelle Isole Eolie. 

i cucunci sono i frutti del cappero e i capperi sono i boccioli dei fiori della pianta, la differenza tra questi due ingredienti è sostanziale.

I capperi sono molto piccoli, di forma tondeggiante e dal sapore piacevolmente amarognolo. I cucunci hanno maggiori dimensioni, sono molto croccanti, succosi e hanno un sapore decisamente salino. Normalmente si acquistano sotto sale o sotto aceto. I cucunci hanno numerose proprietà benefiche. Contengono alte quantità di quercetina, una sostanza dalle grandi proprietà diuretiche e antibatteriche. Sono amici naturali dei capillari e dei vasi sanguigni.

La mia amica Patrizia, di ritorno dalla Sicilia, me ne ha regalato un vasetto sott’olio evo che custodisco gelosamente. Per questa ricetta a base di coniglio, dalla carne bianca e delicata , ho sostituito le olive aprendo il vasetto dei cucunci. La preparazione è semplicissima e la cottura è di tempo medio, se avete una piastra a induzione programmabile potete impostare i minuti di cottura e…andare al mare. Al rientro avrete il pranzo o la cena pronti. Buona idea no?

Ingredienti per cucinare metà coniglio: erbe aromatiche come rosmarino, salvia, alloro ;2 spicchi di aglio; 1 bicchiere di vino bianco secco; 2 cucchiai di cucunci sott’olio; 1 scalogno; olio evo q.b.; sale; aceto bianco; peperoncino opzionale

Preparare il coniglio sciacquandolo con acqua e aceto bianco e tagliandolo a pezzi non troppo grandi. Tritare lo scalogno, poi, in una padella con bordi alti o una casseruola scaldare olio evo. Unire lo scalogno e farlo dorare.

Aggiungere i pezzi di coniglio , farli rosolare bene a ogni lato a fiamma allegra. Poi aggiungere le erbe aromatiche tritate e sfumare con il vino bianco.

Una volta ridotto allungare con acqua calda (mezzo bicchiere, se asciugasse aggiungerne un’altra metà). A questo punto potete unire i cucunci.

E lasciar cuocere per 30/35 minuti.

Servite il coniglio caldo con il suo sughetto. Buon appetito.

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »

Enjoy this blog? Se vi piace il blog condividetelo!