Crea sito

Pasta con cavolfiore e peperoni cruschi

Pasta, la mia passione, questa volta ho pensato al cavolfiore che è di stagione ed ho unito il peperone crusco. Grazie alla mia amica Paola e a sua mamma ho ancora una scorta in frigo, questi peperoni sono fatti essiccare al sole dalla mamma di Paola e sono davvero speciali. La prima volta che ho sentito parlare dei peperoni cruschi è stato durante una puntata di 4 Ristoranti con Alessandro Borghese, ovviamente ambientata a Matera. Ero tanto incuriosita che ho chiesto a Paola ( che è della provincia di Matera) maggiori informazioni e lei me li ha fatti portare da sua mamma alla prima occasione. Un dono speciale per un prodotto speciale da una terra speciale.

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Porzioni2 porzioni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gcappelloni (Pasta fresca Pastaio Maffei)
  • 1Cavolfiore (piccolo)
  • 1 spicchioAglio
  • 2Peperoni cruschi
  • 1Peperoncino
  • q.b.Olio extravergine d’oliva
  • q.b.Sale
  • Ricotta salata (facoltativa)
  • 3 cucchiaiPaprika dolce

Preparazione

  1. Questi sono i peperoni cruschi, la mamma di Paola li apre e li fa seccare già senza i semi. Se li avete interi sono da passare esternamente con un cannovaccio asciutto, tagliarli in 4 parti eliminando il picciolo ed i semi. Poi prendete una padellina versate un generoso strato di olio e cuocete velocemente i pezzi di peperone, pochi per volta, avendo cura di non farli annerire/bruciare. Scolateli e teneteli da parte fino al momento di ultimare il piatto (altrimenti a contatto con l’umidità perdono la loro croccantezza). Tenete da parte anche il loro olio. Tritate finemente lo spicchio d’aglio ed un po’ di prezzemolo.

  2. Riempite una pentola di acqua e mettetela a scaldare. Nel frattempo riducete la palla del cavolfiore a cimette che laverete in acqua e bicarbonato. Appena l’acqua bolle unite le cimette e fate bollire per circa 20 minuti. Scolate con un mestolo forato le cimette, salate l’acqua e buttate la pasta. Se non trovate i cappelloni vanno bene le orecchiette o una pasta corta. Fate scaldare il soffritto di aglio e prezzemolo con parte dell’olio in cui avevate fritto i peperoni cruschi. Aggiungete le cimette di cavolfiore, il sale e la paparika.

  3. Spegnete il fuoco della padella ed unite i peperoni cruschi sbriciolati al cavolfiore. Appena la pasta sarà cotta scolatela e saltatela in padella con il cavolfiore.

  4. Amalgamate bene e servite, potete aggiungere una grattugiata di cacioricotta.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *