Crea sito

Vellutata di Carote Light con Pecorino e Yogurt Greco

La vellutata di verdure oltre ad essere un buon primo piatto, salutare e leggero, è anche una ricetta “furba” che si può preparare prima, magari la sera per il pranzo del giorno dopo, (come faccio molto spesso io). Questa vellutata di carote è una miniera di sali minerali e vitamine, come AB1B2CD ed E; di zuccheri e fibre; di proprietà benefiche che spaziano da quelle antiossidanti a quelle antiinfiammatorie, e che ne fanno un’alleata non solo per la salute ma anche per l’estetica. Da sempre infatti la carota è associata soprattutto a due parti del corpo, occhi e pelle. In entrambi i casi il segreto sta nella proprietà antiossidante di vitamina A e betacarotene, che aiuta gli occhi, protegge la pelle dalle rughe e può stimolare l’abbronzatura. Il segreto consiste nel fatto che il betacarotene, di cui sono ricchi in realtà quasi tutti gli ortaggi e la frutta di colore arancione, stimola la produzione di melanina. Le proprietà antiossidanti sono garantite anche dalla presenza di vitamina C. In questa Vellutata “light” di carote non troverete grassi aggiunti infatti non c’è olio, non c’è brodo, ho aggiunto il pecorino Romano per smorzare il dolce della carota e lo yogurt per dare cremosità. E mi raccomando: mangiare vellutate fa bene al corpo e all’anima!

Ingredienti x 2:

  • 185 gr Carote
  • 250ml Acqua
  • Q.b. Sale
  • 2 cucchiai Pecorino Romano grattugiato
  • 2 cucchiai di yogurt Greco 0% grassi

Pelate le carote e tagliatele a pezzi, fatele cuocere in acqua bollente per circa 20-30 minuti, dovranno essere tenere e spezzarsi toccandole con i denti della forchetta. Dopodichè passatele al minipimer aggiungendo acqua di cottura delle stesse. Dovrete ricavare una crema. Rimettete la crema sul fuoco in una casseruola, salate, aggiungete il pecorino mescolando. Servite la vellutata caldissima nelle fondine aggiungendo un cucchiaio di yogurt greco, mescolate e assaporate!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *