Una frittura ce la meritiamo! Fritto di mare

Una frittura ce la meritiamo, almeno d’estate , senza sensi di colpa ma con gusto e allegria. Al ristorante non la ordine quasi mai ma a casa mi piace prepararla. Ci sono svariati motivi per cui preferisco friggere a casa: scelgo il pesce che più mi piace e lo compro dove voglio, uso l’olio che preferisco, la friggitrice è pulita (da me) e l’olio è fresco e si usa per una sola frittura e poi si butta, aggiungo le verdure. Mi sembra un giusto compromesso. Carlo mi ha portato a casa questi gamberi di fondale per il fritto di mare, li conoscete?

Afferratene un paio, chiudete gli occhi e assaporateli lentamente: no…non sono patatine, bensì piccoli gamberetti di fondale, o di roccia, difficilmente reperibili nei canali tradizionali e più facili da trovare nei porti delle nostre città di mare, direttamente dai pescatori. Piccolissimi e teneri, sono pronti in soli 5 minuti perché si mangiano interi, così come sono. 
Passateli nella farina e friggeteli: il fritto di pesce, si sa, è un must della cucina della nostra penisola, bagnata da meravigliose acque ricche di crostacei e molluschi nostrani. 
Difficile smettere di mangiarli fino a quando non si vede il fondo del piatto: offriteli per un aperitivo tra amici, conquisteranno chiunque!

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Translate »

Enjoy this blog? Share it! Se vi piace il blog condividetelo!