I Castagnacci di Santa Lucia con crema di ricotta

I Castagnacci di Santa Lucia sono una tradizione popolare qua nell’alta Toscana, nella notte più lunga che ci sia, quella fra il 12 ed il 13 Dicembre, si cucinano le frittelle di castagnaccio o i castagnacci. E’ una tradizione molto antica che ci riporta indietro negli anni, quando le castagne erano una delle poche forme di sussistenza della popolazione Massese. Ancora oggi in montagna, dove ancora sono i boschi di castagni, le castagne vengono raccolte e macinate, credo che ognuno di noi abbia almeno un sacchetto di farina di castagne in casa. Personalmente non compro mai la farina che trovo al super, anche se è della Lunigiana, ho un mio fornitore personale di Massa che me ne procura sempre 1-2 Kg di quella nostrale. Quest’anno, ad esempio, è particolarmente buona.

  • Preparazione: 10 Minuti
  • Cottura: 10 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 6 castagnacci
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 6 cucchiai Farina di castagne (bio)
  • 2 cucchiai Olio extravergine d'oliva
  • 3 cucchiai Pinoli
  • 3 Gherigli di noci
  • 1 rametto Rosmarino
  • 1 cucchiaio Zucchero
  • q.b. Acqua
  • 200 g Ricotta vaccina (della Garfagnana)
  • 2 cucchiai Porto o Marsala
  • 2 cucchiai Zucchero a velo

Preparazione

  1. Setacciare la farina di castagne, aggiungere lo zucchero

  2. Aggiungere pian piano acqua continuando a girare con la frusta fino ad ottenere un impasto non troppo liquido, anzi quasi denso

  3. Spennellare di olio le formine da pancakes e versare 3 cucchiai di impasto in ogni formina, guarnire con pinoli, rosmarino e un pezzetto di noce. Infornare in forno caldo a 180° ventilato

  4. Mentre i castagnacci cuociono, in una ciotola amalgamare la ricotta freschissima con il vino dolce e lo zucchero a velo. Riempire con la crema un sac à poche

  5. Sfornare i castagnacci e lasciarli intiepidire, servire con la crema di ricotta spolverata con cacao (se piace)

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »

Enjoy this blog? Se vi piace il blog condividetelo!