Potage Parmentier = Vellutata di Porri e Patate con crostini

Potage o Zuppa Parmentier: il nome di questo piatto, semplice e vellutato, è legato ad Antoine Parmentier: farmacista e agronomo francese della seconda metà del settecento, divenne famoso per aver effettuato importanti studi sulla patata. Fino ad allora le patate erano considerate un alimento nocivo, altamente tossico, adatto solo a sfamare i maiali. Antoine Parmentier scoprì le eccezionali proprietà di questo tubero e divulgò tutti gli impieghi della patata in cucina. Le patate infatti sono particolarmente ricche di potassio e contengono fosforo, magnesio, zolfo, calcio, manganese e ferro, pochissimo sodio e sono ricche di vitamine del gruppo B, C e PP. Se guardiamo le patate dal punto di vista salutistico sono un alimento particolarmente indicato da utilizzare durante la cena in quanto facilitano l’alcalinizzazione del sangue e sono un ottimo sostitutivo del pane per chi soffre di problemi diabetici.Oltre a Antoine Parmentier la zuppa parmentier deve il suo successo alla famosa chef Julia Child, autrice di molti libri di cucina, che contribuì alla diffusione, anche oltreoceano, delle ricette di Parmentier e soprattutto di questa zuppa a base di patate e porri.

  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 40 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 persone
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 250 g Patate
  • 1 porro
  • 500 ml Brodo vegetale
  • 30 g Burro (o olio q.b.)
  • q.b. Sale
  • 2 cucchiai Emmentaler (grattugiato)
  • 2 fette Pane raffermo

Preparazione

  1. Pelare le patate  e tagliarle a dadini,  pulire e sciacquare il porro, poi tagliarlo a rondelle.

  2. Riunire le verdure in un tegame capiente e farle rosolare a fiamma dolce con burro o poco olio evo per 10 minuti

  3. Aggiungere il brodo caldo e continuare la cottura a fiamma dolce per 30′ circa. Nel frattempo scaldare una padella antiaderente, spennellarla con olio evo e far arrostire i crostini ottenuti dalle fette di pane casalingo, mi raccomando tagliateli piccoli e graziosi!

  4. A cottura avvenuta, passare tutto al minipimer rimettere sul fuoco e far cuocere 5 minuti (far bollire) , aggiustare di sale e servire con i crostini ed il formaggio filangé.

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »

Enjoy this blog? Se vi piace il blog condividetelo!