Ceci in zimino con foglie di barbabietola rossa, questa è proprio Veg!

Al mercato della Coldiretti cerco di andare ogni settimana prima di entrare al lavoro, (quindi presto), mi attraggono i colori e le forme delle verdure e della frutta di stagione. Quando trovo qualche ortaggio che non conosco bene o non cucino: di solito lo acquisto. Penserete ad un controsenso e invece è solo curiosità. Questo è quanto  è successo con le barbabietole rosse che ho mangiato (specialmente in Francia) ma mai cucinato. Mentre le barbabietole le ho sia cotte a vapore che mangiate crude a insalata, con le foglie cosa fare? Mi spiaceva buttarle via,tra l’altro sono bellissime e simili a quelle di bietola. Con questa ricetta le ho adoperate in modo creativo ma alla portata di tutti. Cucinata e testata posso condividerla con Voi!

Suitable for vegetarian and Vegan

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 2 porzioni
  • Costo: Molto economico

Ingredienti

  • 1 mazzetto foglie di barbabietola
  • 150 g ceci lessati
  • 1 costa Sedano
  • 1 cipolla
  • q.b. prezzemolo tritato
  • q.b. Olio extravergine d'oliva

Preparazione

  1. Fare un trito con il sedano la cipolla e il prezzemolo. Mettere a rosolare con due cucchiai di olio evo

  2. Tagliare i gambi delle foglie di barbabietola e scottarle per 5 minuti in acqua calda, poi aggiungerli al soffritto e far cuocere 5 minuti.

  3. Aggiungere le foglie e far cuocere per altri 5 minuti, finchè appassiscono.

  4. Aggiungere i ceci lessati,  un mestolo di acqua calda e far cuocere 10 minuti. Se si vuole più simile ad una zuppa aggiungere più acqua e concentrato di pomodoro, passare al passa verdura una parte dei ceci .

  5. Io ho servito il mio zimino di ceci asciutto, come piatto unico, può essere anche un sostanzioso contorno. Buon Appetito!

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da cookinprogress

Il mio nome è Monica e mi piace cucinare, autodidatta istintuale. Ci si prova senza prendersi troppo sul serio...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Enjoy this blog? Please spread the word :)