Nello specifico…. la farina di manioca

Avrete sicuramente notato che in molte nelle mie ricette uso la farina di manioca. Ad essere onesta mi ci sono imbattuta per caso e da quella volta non posso piu’ farne a meno. L’adoro e la metterei veramente ovunque; dalla farofa (piatto tipico brasiliano a base di farina di manioca), alla verdesca con panatura di manioca o al tonno ai semi di chia. Insomma ovunque ūüėÄ

Ma conosciamola un po’ meglio.Manihot_esculenta_dsc07325

La manioca e’ una pianta originaria del sudamerica ed √® la terza pi√Ļ importante fonte di carboidrati (senza glutine) nell’alimentazione dei paesi tropicali.¬†¬†La farina di manioca (o cassava) si ricava dalla radice a tubero di questa pianta, che¬†sono ricche di amido, calcio, fosforo ¬†e vitamina C. Contengono tuttavia scarsissime quantit√† di proteine e altri nutrienti.¬†Le variet√† di manioca sono classificate in “dolci” o “amare”; la polpa della radice di manioca dolce pu√≤ essere mangiata cruda (la consistenza e il sapore ricordano vagamente la castagna cruda), mentre quella della manioca amara √® tossica, e deve essere elaborata.¬†farinha mandioca

 

Precedente Zuppa di patate viola e pancetta Successivo Bucatini al cavolfiore viola