Astice per le Feste

L’astice è un crostaceo prelibato e fa una gran figura servito a tavola, soprattutto se servito la sera della vigilia di Natale oppure per il cenone di Capodanno!! L’astice surgelato è facilmente reperibile nelle pescherie, mentre quello vivo si trova nel banco del pesce soprattutto nel periodo Natalizio. Può essere preparato in diversi modi: io l’ho semplicemente bollito in un court bouillon (un brodo vegetale aromatizzato), ma viene molto utilizzato anche per insaporire le linguine o altri primi piatti. Se volete provare la mia ricetta, eccola qui:

Astice:

  • Portata: Secondo piatto di pesce
  • Tempo: 1 ora e 20 minuti
  • Difficoltà: Media
  • Cottura: Fornello

astice | crostacei | court bouillon | astice vivo | astice surgelato

Ingredienti per 2 persone: 

  • un astice di circa 500-600 grammi
    (potete scegliere un “astice vivo” oppure un astice surgelato, l’importante è, se scegliete l’astice vivo, che si muova e che sia arzillo… altrimenti è pericoloso per la salute!)
  • 2 carote
  • un gambo di sedano
  • 2 cipolle
  • 3 foglie di alloro
  • un rametto di timo
  • un rametto di prezzemolo
  • pepe in grani
  • limone
  • insalata per guarnire

Preparazione: 

  • Preparazione del court bouillon: lavare e mondare gli ortaggi, tagliarli a pezzi e aggiungerli in pentola capiente. Aggiungere abbondante acqua fredda salata e gli odori: l’alloro, il timo, il prezzemolo, il pepe in grani e mezzo bicchiere di vino bianco. Coprire e cuocere il brodo per un’ora circa, poi spegnere il fuoco e filtrare il liquido.
  • Riportate a bollore il court bouillon e immergere rapidamente l’astice precedentemente sciacquato sotto acqua corrente. Coprire immediatamente la pentola con un coperchio.
  • Cuocere per non più di 10-12 minuti (attenzione a non prolungare troppo i tempi di cottura per non farlo indurire),  trascorso questo tempo l’astice avrà un bel colore arancione acceso. Spegnere il fuoco, lasciar riposare per qualche minuto, poi estrarlo dall’acqua, sgocciolarlo e farlo raffreddare per servirlo a temperatura ambiente.
  • Decorare il piatto di portata con foglie di lattuga e fettine di limone, adagiarvi l’astice (tagliato a metà per il lungo) e servire. Si abbina bene con vino biancho secco o con delle bollicine………. Buon cenone 😉

NOTE: Se li avete, mettete in tavola gli appositi utensili per il pesce: le pinze per rompere le chele (che sono ricche di polpa squisita), gli attrezzi che servono per svuotarle e, importante, visto che il pesce si mangia aiutandosi con le mani, delle salviette aromatizzate al limone per lavarsi le mani.

ASTICE VIVO O ASTICE SURGELATO?

La regola numero uno: rivolgersi per l’acquisto dell’astice ad una pescheria di fiducia. Se come me, fate fatica a tuffare l’astice vivo nell’acqua bollente, la soluzione è comprarlo congelato (avendo cura di controllarne sempre la provenienza). La polpa dell’astice fresco è più tenera, dolce e ricca di gusto, inoltre il colore dell’astice resta brillante. L’astice congelato va fatto scongelare per poi procedere secondo ricetta.

Se ti piacciono le mie ricette, segui la mia pagina facebookCooking Giulia!
Clicca “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime novità 😉 a presto!
cooking giulia | food blog | food blogger | blog di cucina | ricette semplici | ricette provate | ricette |

Precedente Involtini di zucchine e philadelphia al salmone Successivo Piegare i tovaglioli ad albero di natale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.