Tutto quello che c’è da sapere sulla curcuma

Tutto quello che c’è da sapere sulla curcuma: è conosciuta anche come “zafferano d’India”. Infatti, il principio attivo di queste piante, la curcumina, viene spesso utilizzato come colorante alimentare naturale; per esempio per rimpiazzare la colorazione gialla del tuorlo d’uovo nelle ricette vegane.

Ma cos’è la curcuma?

La spezia curcuma è una polvere di colore giallo ottenuta dalla macinazione di alcune piante che appartengono alla famiglia delle Zingiberacee, di cui si utilizza il rizoma tuberizzato, ovvero la parte sotterranea del fusto. Lo stesso viene lavato, sbollentato, essiccato e successivamente macinato in una polvere fine. Il suo principio attivo, la curcumina che già prima abbiamo menzionato, ha un sapore piccante, leggermente amarognolo e terroso con un odore simile alla senape.

Nella curcuma si possono trovare buone quantità di un olio essenziale che le conferisce diverse proprietà farmacologiche. Vediamone alcune.

Alcune proprietà farmacologiche

La curcuma migliora la salute del fegato e può contribuire a eliminare gli eccessi di colesterolo nel sangue; facilita la digestione di pasti abbondanti e ricchi di grassi. Può essere molto utile anche nel trattamento della cattiva digestione in genere, del meteorismo e della flatulenza; inoltre, cosa non di minore importanza, è un potente antinfiammatorio naturale, antivirale, antibatterico, antifungino e antiossidante.

Le sue proprietà sono conosciute da sempre; in India, ad esempio, viene utilizzata come rimedio per i disturbi di stomaco e fegato, così come cura ad uso topico per guarire ferite.

Ed è proprio dall’antichità che deriva il metodo forse più conosciuto per assumerla: il latte d’oro, o golden milk. Una bevanda, a base di latte vegetale e curcuma, ricchissima di antiossidanti naturali che è alla base di tutta la medicina popolare hawaiana e che da secoli si utilizza anche nell’Ayurveda.

La ricetta la per prepararla la trovate cliccando nel paragrafo precedente, su “golden milk”…qui di seguito vogliamo lasciarvi solo alcuni dei benefici che ne porta l’assunzione continuata per almeno 40 gg: cura il mal di schiena e allevia i dolori articolari, riduce le infiammazioni presenti nell’organismo, depura il fegato e interviene sulla digestione dei grassi, allevia problemi dovuti a infezioni batteriche e virali, dona sollievo ai dolori mestruali, aumenta le difese immunitarie e mantiene attivo il metabolismo favorendo il mantenimento del peso.

Curcuma in cucina

La curcuma può essere usata in diversi modi in cucina. Si può utilizzare per aromatizzare il burro, per creare deliziosi condimenti per la pasta, al posto dello zafferano per insaporire e colorare, si usa per insaporire legumi, patate e verdure, e persino la carne e può essere unita al rosmarino per dare un tocco in più alle tipiche zuppe e minestre invernali. Il suo utilizzo è previsto anche per i dolci, per dare un tocco dorato a creme, budini, torte e biscotti; può essere abbinata alla radice fresca di zenzero per gustosissimi infusi, tè e tisane.

Tra proprietà, benefici e i mille usi in cucina, è davvero una spezia che, da oggi, non potrà più mancare nelle vostre dispense!

http://www.instagram.com/compagnedigrembiule/