Gelato alla pesca, con e senza gelatiera

 

Con questo caldo che sfiora quasi i 40° anche all’ombra un fresco e gustoso gelato alla pesca è proprio quello che ci vuole. Come al solito (e come tutti i miei gelati) oltre ad avere un mix addensante che potete trovare in qualsiasi rivenditore per pasticceri e che allo stesso tempo è essenziale per rendere cremoso e non di “marmo il vostro gelato”, ci sono ingredienti semplici e alla portata di tutti.

E’ un gelato dal sapore fruttoso, o pescoso se preferite. Nel caso vogliate avere un gusto ancora più intenso potete lasciare qualche pezzetto di pesca intero nel gelato, prima di metterlo a riposo in freezer.

gelato alla pesca
  • Preparazione: 1 Giorno
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni:

Ingredienti

  • 570 g Pesche (peso già pulite e snocciolate)
  • 70 ml Latte
  • 120 g Zucchero semolato
  • 120 ml Panna fresca liquida
  • 8 g Mix addensante per gelati (oppure farina di carrube)

Preparazione

  1. Come preparare il gelato alla pesca: 

    Pulire dalla buccia e dal nocciolo interno le pesche, tagliarle a dadini non troppo grandi e frullarle finemente con lo zucchero con un mixer potente. Il risultato dovrà essere una crema abbastanza densa e priva di grumetti. Far scaldare in un pentolino 2 cucchiai di latte, spegnere e far sciogliere il mix addensante. Versare nella purea di pesche e zucchero il latte, il mix addensante sciolto e la panna. Con l’aiuto di un mini primer frullare brevemente per circa 10 secondi. Far riposare in frigo per almeno 30 minuti.

    Procedimento con gelatiera: 

    Far ghiacciare il cestello della gelatiera almeno 1 giorno prima (l’ideale è averlo sempre in freezer pronto all’uso), versare il composto freddo nella macchina in funzione e far addensare. Versare in un barattolo adatto al freezer e farlo addensare ulteriormente per almeno 1 giorno.

    Procedimento senza gelatiera:

    Versare il composto freddo di frigo in un barattolo ampio e far addensare in freezer avendo la cura e la costanza di mischiare il tutto ogni ora, per far diventare morbido il gelato ed evitare la formazione dei cristalli di ghiaccio.

    Come gustare al meglio il gelato alla pesca: 

    Dopo il riposo in freezer se dovesse risultare eccessivamente duro potete o tritarlo con un potente robot/frullatore o lasciarlo a temperatura ambiente per 5 minuti prima di servirlo.

Altre ricette di gelato

Per la raccolta completa andare qui

/ 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “Gelato alla pesca, con e senza gelatiera”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.