POLPO CON LE PATATE

Il polpo con le patate ha origini nel nostro litorale mediterraneo. Il polipo è un mollusco apprezzato da molti che, con varie versioni dalla ricetta originaria, rimanda sempre ai sapori del nostro sud Italia. Un mito da sfatare è quello di inserire un tappo di sughero nell’acqua di cottura per rendere il polipo più tenero. Siccome questo mollusco è molto intelligente quando veniva pescato e per non farlo fuggire i pescatori lo legavano a un tappo di sughero, questo solo per poterlo rintracciare una volta fuggito. Fatto sta solo nel cercare un prodotto di alta qualità, solo così si ha la certezza che rimanga tenero in cottura. Ma veniamo a noi con la nostra ricetta.

Per non perdere le mie ricette seguimi su Facebook.

  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 1 Ora
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 Persone

Ingredienti

  • 1 kg Polpo (Circa)
  • 500 g Patate
  • 4 cucchiai Olio extravergine d'oliva
  • 1 bicchierino Vino bianco secco
  • 1 Cipolle
  • 1 spicchio Aglio
  • 1 ciuffo Prezzemolo
  • 1 foglia Alloro
  • q.b. Pepe rosa
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Iniziamo a pulire il polpo come di consueto e lo taglieremo in pezzi di 3 o 4 cm circa.

    Fare un trito con la cipolla, l’aglio e un poco di prezzemolo. In un tegame abbastanza capiente facciamo appassire il trito di verdure aggiungendo anche la foglia di alloro intera. Una volta che gli aromi sono appena soffritti inseriamo il polpo. A questo punto attendere che l’acqua uscita dal polipo si evapori di circa la metà e versare il vino biaco secco.

    Chiudere con il coperchio il polpo e lasciarlo cuocere a fiamma moderata per circa 1 ora o un’ora e mezza (il tempo di cottura dipende sempre dalla qualità del polpo) facendo sempre attenzione di aggiungere del brodo di pesce, o in alternativa dell’acqua calda, per non far attaccare il polpo.

    Nel frattempo che il polpo si cuoce prepariamo le patate. Pelare e lavarle sotto al getto dell’acqua corrente e tagliarle a cubetti di 2 cm. Inserirle in una pentola cuocendole per circa 10 minuti dal bollore dell’acqua.

    Una volta che le patate sono scottate, scolarle e inserirle assieme al polipo negli ultimi 10 minuti di cottura. Regolare di sale  e spolverare con un po di pepe rosa.

    Il polpo con le patate è pronto per essere servito caldo come secondo piatto e accompagnato con un vino bianco, in questo caso si abbina bene con l’Orvieto bianco.

  2. BUONA DEGUSTAZIONE!!!

Consiglio

Se servite questa pietanza come secondo piatto vi consiglio di portarlo in tavola all’interno di un piatto da portata riscaldato, così facendo si manterranno tutti i sapori di cottura. Il polpo con le patate si può abbinare benissimo a un primo come le linguine al salmone e per chi volesse la ricetta può cliccare qui. Per chi lo preferisce, si può servire tiepido o freddo, come antipasto in un buffet finger food in monoporzioni o inserito in una bella insalatiera nel centro tavola. Se come me si abita in luoghi dove la frescezza del polpo può essere compromessa vi consiglio di acquistarlo congelato, in questo caso il polpo risulterebbe anche molto tenero in quanto è stato frollato dal freddo dei surgelatori e il tempo per la cottura si abbassa. Personalmente preferisco il pepe rosa perchè più delicato, ma potete usare il pepe che più vi aggrada 😉

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Sandra Bigarelli

Salve a tutti, sono un'appassionata di cucina e in special modo di dolci. Generalmente sono tradizionalista legata alla nostra cucina italiana, ma al tempo stesso non disdegno sperimentare con nuovi ingredienti dedicandomi a paesi orientali e non solo, dove usano spezie dal profumo particolare e dai colori sgargianti. Ho deciso di aprire un blog per avere sempre a portata di mano un mio personale diario riguardante alle ricette o notizie sulla nutrizione e salute, naturalmente parlando ed esponendo d'appassionata e non da addetta ai lavori. Spero che il mio diario vi piaccia e magari lasciate un commento con cui dialogare sugli articoli esposti... ;-) La mia ricetta preferita? La semplicità degli ingredienti...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.