Involtini di fettine di vitello con speck e fiordilatte dei monti Lattari

3involtini di carne e speckGli involtini sono un modo sfizioso di presentare le fettine di vitello ai nostri commensali, se li farciamo con della buona mozzarella e uno speck con almeno 5 mesi di stagionatura, il successo a tavola è assicurato. Pochi e veloci passaggi per ottenere una carne tenera e gustosa, la mozzarella filante poi farà la differenza. Quella dei monti Lattari è di gran lunga uno dei fiordilatte che preferisco di più, quando capita la uso spesso nei miei piatti anche se, vi posso assicurare, è ottima anche fresca con un buon pomodoro e condita con olio evo e una spolverata di origano selvatico. Ma, vediamo come realizzare gli involtini.

Ingredienti:
6 fettine di vitello
1 fiordilatte dei monti Lattari
150 gr di speck a fette
Sale e pepe
Olio evo

Preparazione:
Tagliamo in due le fettine se troppo lunghe, dobbiamo ottenere delle fettine di circa 15 centimetri, mettiamole su un tagliere di legno e battiamole delicatamente con un batticarne, serve ad assottigliarle e a rompere le fibre in modo che diventi più tenere. Tagliamo la mozzarella a fettine e poi a strisce e teniamole in un colino per far perdere un poco di siero. Stendiamo le fettine, saliamole e pepiamole. Poniamo una fettina di speck sulla carne, aggiungiamo la mozzarella e avvolgiamole. Chiudiamo con lo stuzzicadenti e avvolgiamo un’altra fettina di speck. Proseguiamo così finché non terminiamo tutti gli ingredienti. Mettiamo gli involtini ottenuti in una padella tenendo presente che dopo dovrà andare in forno. Aggiungiamo olio evo e qualche foglia di maggiorana, mettiamo la padella sul fuoco e facciamo rosolare gli involtini. Appena rosolati su tutti i lati, passiamo la padella in forno per 10 minuti impostando la funzione grill. Serviamo gli involtini con patate al forno.1involtini di carne e speck 2involtini di carne e speck  4involtini di carne e speck

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.