Fettine di vitello alla pizzaiola, la tradizione in tavola

6fettine di vitello alla pizzaiolaQuesta è una ricetta tradizionale che non vuole essere cambiata.
Buona nella sua semplicità richiede di pochi passaggi ma d’ingredienti di qualità. Le sue origini sono probabilmente napoletane e sembra che sia una ricetta creata per nascondere la carne che stava per andare a male. Ovviamente oggi la cucina moderna ha attribuito il giusto valore a questa ricetta usando ingredienti freschi e di qualità. Pomodoro pelato di san Marzano e fettine di vitella giovane danno un tocco in più al piatto e se poi aggiungiamo origano selvatico raccolto sulle colline camerotane il gioco è fatto.

Ingredienti:
4 fettine di vitella
1 pomodoro pelato san Marzano 800 gr
2 spicchi d’aglio
Origano
Sale e pepe q.b.
Olio evo

Preparazione:
Puliamo la carne da eventuali nervetti e fili di grasso, facciamo dei taglietti piccoli lungo il bordo (in modo che non si arriccia in cottura).
In una casseruola ampia e bassa mettiamo 4 cucchiai di olio evo e facciamolo riscaldare, aggiungiamo gli spicchi d’aglio leggermente schiacciati e facciamoli dorare. Adesso adagiamo le fettine un minuto per lato, aggiustiamo di sale, pepe e una bella spolverata di origano. Trascorsi un paio di minuti aggiungiamo i pelati direttamente dalla scatola di conservazione, mettiamo un goccio d’acqua nel suddetto contenitore in modo da recuperare anche quello che è rimasto attaccato alle pareti, aggiungiamolo al resto in pentola. Facciamo cuocere a fiamma vivace per i primi 5 minuti fintanto che non prende il bollore e poi abbassiamo la fiamma. Con i rebbi di una forchetta schiacciamo i pomodori, aggiustiamo di sale e portiamo a termine la cottura per almeno 20 minuti. Prima di servire aggiungiamo un’altra spolverata di origano e serviamo con abbondante sugo. D’obbligo la scarpetta finale con pane casereccio!1fettine di vitello alla pizzaiola2fettine di vitello alla pizzaiola 3fettine di vitello alla pizzaiola 4fettine di vitello alla pizzaiola 5fettine di vitello alla pizzaiola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.