Quando il riso avanza, facciamone arancini

Gli arancini di riso, che delizia. Sono sempre stato attento a non sprecare il cibo, mi basta pensare a quante persone nel mondo non hanno di che mangiare per cercare sempre una soluzione per sfruttare quello che avanza in cucina. Questa volta mi avanzava un bel po’ di riso e patate cucinato da mia moglie il giorno prima e con l’aggiunta di qualche ingrediente sono venuti degli arancini davvero gustosi. Vediamo come fare.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

riso e patate (Qualsiasi riso avanzato va bene, anche con sugo)
1 uovo
salame (oppure salumi in genere)
zafferano
emmenthal (oppure formaggio morbido)
pangrattato
olio di arachide (per friggere)

Preparazione

In una ciotola mettiamo il riso e patate, aggiungiamo l’uovo, tenendo a parte poco albume, cominciamo ad amalgamare i due ingredienti. Nell’albume rimasto mettiamo il contenuto della bustina di zafferano e facciamo sciogliere mescolando con una forchetta. Aggiungiamo al riso. Tagliamo a piccoli pezzi il salame o quello che abbiamo in frigo (speck, prosciutto, etc.), aggiungiamo all’impasto insieme al grana grattugiato. Adesso amalgamiamo il tutto e se fosse troppo morbido, aggiungiamo del pangrattato all’interno.

Formiamo delle polpette grandi all’incirca come delle palline da tennis e nel mezzo mettiamo un pezzetto di formaggio tipo Emmenthal. Chiudiamole pressandole bene e passiamole nel pangrattato, facciamolo aderire bene. Una volta fatti tutti gli arancini, poniamoli su di un vassoio e mettiamole in frigo per almeno 1 ora dando tempo al tutto di compattarsi. In una padella ampia mettiamo abbondante olio di arachidi e facciamolo diventare ben caldo. Friggiamo le polpette di riso fino a che non sono dorate all’esterno, passiamole su carta assorbente in modo che perdano l’olio in eccesso. Serviamole calde!

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.