Cracker ai semi di lino ( con pasta madre)

I cracker ai semi di lino con pasta madre sono un’ottima soluzione per utilizzare l’esubero in un prodotto salutare e davvero sfizioso!

cracker ai semi di lino

Con l’esubero di pasta madre sempre dentro al frigorifero, e una scorta di semi vari nella credenza, ottenere uno stuzzichino spezza fame è un gioco da ragazzi.
I semi di lino sono buoni e fanno bene, ad un prezzo contenuto li trovate anche biologici.
Danno al pane un non-so-che di tostato e croccante.
Sanno di frutta secca, di sapori rustici, di croccante passatempo, di aperitivo e di pic nic in campagna.
Sanno di cose buone e salutari, di abito svolazzante alla brezza autunnale e di spizzico davanti al caminetto ( per chi ha la fortuna di averlo in casa!).
Se preferite li potete preparare anche con lievito secco di birra, quello per panificazione, sostituendo la pasta madre con 25 gr di farina e 25 gr di acqua + 5 gr di lievito secco.
Sono buonissimi anche sostituendo la farina di farro con una integrale di qualità.

CRACKER AI SEMI DI LINO
(per due teglie)

50 gr farina farro

450 gr farina 0

50 gr pasta madre di esubero non rinfrescata ( 50% acqua e 50% farina)

250- 300 ml acqua

40 gr semi di lino

2 cucchiai olio di oliva
+ altro per spennellare

Sale alle zenzero q.b.

Nella ciotola dove andrete ad impastare, versate tutta l’acqua e la farina.
Mescolate velocemente con un cucchiaio e lasciate riposare per mezz’ora circa.
Unite poi la pasta madre e l’olio. Aggiustate di acqua per ottenere un impasto
morbido e maneggevole.
Aggiungete i semi di lino ed infine il sale.
Rovesciate l’impasto su un piano infarinato, date qualche giro di pieghe.
Coprite con un panno umido e fate riposare per circa venti minuti.
Accendete il forno a 200°C.
Trascorso il tempo di riposo, stendete l’impasto ad uno spessore di 2-3 mm e tagliatelo a rettangoli con un coltello. Bucherellate con una forchetta, spennellate di olio e posizionate i cracker sulla teglia. Infornateli per circa 10 – 15 minuti. O fino a doratura.

Precedente Cous cous puntarelle e uvetta Successivo Risotto lime e rosmarino

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.