Bruschetta con crema di peperoni e zucchina croccante

okbrusch (2) bruschetta

Ultimamente all’ora di pranzo guardo il pezzo finale di un notissimo programma di cucina.
Due sfidanti dietro ad un bancone devono preparare piatti a tema
per vincere un set di attrezzi professionali.
L’ultima sfida, che in realtà è l’unica che vedo, prevede una prova di presentazione.
Non ditemi che anche a casa non ci avete mai pensato..
Già un piatto di pasta presentato in una certa maniera,
esalta i colori e appaga la vista.
Una torta spolverata di zucchero a velo arricchisce la colazione.

Non solo gusto quindi, ma anche aspetto estetico, pulizia, accostamento di colori.
La prossima volta che preparate dei biscottini, o semplicemente del pane a fette
immaginatene già il sapore e assaporatene il profumo.
E lasciatevi guidare dalle reazioni che volete suscitare in chi andrà a mangiare il vostro cibo
( e magari da qualche immagine di presentazione sui ricettari!)

Così è stato per queste tartine, semplici nella preparazione ma con un’esplosione di gusto.
Dopo qualche tentativo – che mi sono sacrificata ad assaggiare –
ecco finalmente l’abbinamento di colori e consistenze che stavo cercando.

BRUSCHETTA CON CREMA DI PEPERONI E ZUCCHINA CROCCANTE
( per 10 -15 tartine)

Per il pane
(pane con lievito madre di Giorilli)

125 gr pasta madre a 3 ore dal rinfresco

200 gr farina per pane nero

300 gr farina 0

350 gr acqua

11 gr sale

Per la copertura

75 gr farina 0

125 ml birra doppio malto

1 zucchina Paradello

salsa peperoni Poggioriotto

1 cipolla rossa

sale

olio di oliva

Se avete tempo e pazienza cominciate con un’autolisi utilizzando tutta la farina e 190 gr di acqua presi dal totale. Fate riposare mezz’ora e procedete aggiungendo il resto degli ingredienti.

Se invece volete una cosa più semplice, sciogliete la pasta madre in 190 gr di acqua, aggiungete la farina e cominciate ad impastare. Unite poi il sale e a poco a poco l’acqua rimasta.
Manipolate bene per far incorporare aria.
Fate riposare per 90 minuti nel forno chiuso con un pentolino di acqua bollente.
Trascorso il periodo di riposo, dividete l’impasto in due parti uguali e ricavatene due filoncini abbastanza tozzi.
Disponete i filoni in due stampi da plumcake e fate lievitare fino al raddoppio sempre con il metodo del pentolino. Preriscaldate il forno a 230°C, infornate e spruzzate immediatamente le pareti con un vaporizzatore
(lo spruzzino da casa va benissimo!) in modo da creare vapore.
Fate cuocere per 5 minuti e abbassate la temperatura di 10*C.
Dopo circa 30 minuti il pane dovrebbe essere cotto.
Prima di togliere dal forno, fate cuocere ancora 10 minuti con lo sportello socchiuso.
Togliete dagli stampi, fate raffreddare.

Per la copertura

Mentre il pane raffredda, preparate la pastella mescolando la birra con la farina e un pizzico di sale.
Coprite e fate riposare per mezz’ora circa.
Mondate la zucchina, tagliatela in quarti e ricavate delle strisce sottili tagliando i quarti a metà,
poi ancora a metà e così via.
Ponete tra due fogli di carta assorbente e fate asciugare.
Preparate una pentola dai bordi alti e fate scaldare l’olio.
Trasferite le zucchine nella pastella a piccole manciate in modo che si coprano bene.
Quando l’olio avrà raggiunto temperatura ( fate la prova pastella: se viene a galla e fa le bollicine è pronto),
immergete le zucchine poche alla volta per evitare che si attacchino.
Muovetele con una pinza o un forchettone e scolate quando saranno croccanti e dorate.
Asciugate l’olio in eccesso con carta assorbente.
Procedete fino al termine della pastella o delle zucchine.
Salate leggermente e fate riposare.
Tagliate ora la cipolla a rondelle sottili.
Preparate delle fette di pane, regolando i bordi.
Disponete un cucchiaino di salsa ai peperoni su ogni fetta, una fetta di cipolla ben aperta e un pezzo di zucchina pastellata.
Servite accompagnate dalla stessa birra che avete usato per la pastella.

bruschetta

Precedente Penne con radicchio e mela al Chiaretto Successivo Biscotti all'anice e cioccolato

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.