Crea sito

Latte dolce fritto (ligure)

Il latte dolce fritto è un tipico dolce ligure, semplice e con pochi ingredienti, va fritto in olio con l’accortezza di farlo rimanere croccante all’esterno, ma con un interno morbido e cremoso. Io amo mangiarli caldi per apprezzare il sapore degli aromi di vaniglia e limone ma se ne avanzano, ed è raro, anche il giorno dopo sono deliziosi! Solitamente li realizzo per feste di famiglia come accompagnamento al tipico fritto misto genovese…..ma amo viziarmi quindi ne preparo sempre in più e li congelo per friggerli quando ho voglia si risentire il gusto di quelli delle mie nonne!

  • DifficoltàMedia
  • Tempo di preparazione40 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gSemolino
  • 90 gZucchero
  • 1Limone
  • 1 lLatte
  • 2Uova
  • q.b.Pangrattato
  • Vaniglia
  • q.b.Farina (Per la panatura )
  • 1Uova (Per la panatura)
  • q.b.Olio di semi di arachide (Per friggere )
  • q.b.Zucchero a velo (per decorare e facoltativo)

Preparazione

  1. Scaldare il latte e a poco a poco far cadere a pioggia la farina e il semolino. Mescolare continuamente con una frusta ed aggiungere lo zucchero, la scorza di limone, che toglieremo, la vaniglia e le uova sbattute. Continuiamo la cottura mescolando a fuoco «lento» fino ad ottenere una crema consistente. Stendere la crema ottenuta in un tegame possibilmente rettangolare o quadrato, rivestito di carta forno e lasciare raffreddare.

  2. Una volta che la crema si è rassodata tagliare a forma di rombo

  3. passare ogni rombo prima nell’uovo sbattuto poi nella farina

  4. ed infine nel pangrattato

  5. Friggere in olio bollente sino a completa doratura, scolarli su carta assorbente e spolverizzare di zucchero a velo.

Potete accompagnare i vostri semolini sia al dolce che al salato, per esempio a frutta e verdura pastellata.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Chiara Sanguineti

La casa della mia famiglia si trova in una caratteristica zona collinare a breve distanza da sestri levante ribattezzata da H.C.Andersen la “città dei due mari”La passione per la cucina mi accompagna fin dalla più tenera età, le nonne mi hanno lasciato dei ricordi indelebili che ritornano alla mente ogni volta che mi trovo in cucina dove la mia fantasia si fonde con i profumi e i ricordi di una vita. Per saper cucina però non è sufficiente la passione o la memoria ma è importante conoscere gli ingredienti e le tecniche di preparazione, la mia priorità in questo blog è solo quella di aiutare chi non ama cucinare a concretizzare ricette veloci e che rendano fiere di sè chi le ha realizzate.