Bulgur

Insalata in barattolo (vol. 01).

Reinventare l’uso dei barattoli può essere davvero divertente.
Basterà avere un po’ di fantasia e un altrettanto po’ di spazio.

Immagino un cestino in vimini foderato con una stoffa colorata, un prato verde fiorito, i raggi del sole e l’ombra degli alberi, una grande coperta, visi sorridenti e chiacchiere allegre, un pranzo fresco e leggero…

Un’insalata in barattolo, fatta con ingredienti genuini e di stagione, può diventare la protagonista indiscussa di un irrinunciabile pic-nic durante i fine settimana primaverili o estivi quando la voglia di godersi qualche ora all’aria aperta non manca mai.

Quella dell’insalata in barattolo è una moda nata negli Stati Uniti che però sta prendendo piede anche qui in Italia.
…non vi resta che andare alla ricerca dei barattoli dalle fome più strane e dare sfoggio della vostra creatività.

L’insalata di oggi, la mia insalata in barattolo vol. 01, è preparata con pochi e semplici ingredienti ma vi posso garantire che profumo e sapore sono davvero unici.
Bulgur, menta, carciofi freschi e pomodorini secchi.

…provateci anche voi!

INGREDIENTI PER 6 BARATTOLI DA 125 ML (DIAMETRO 70 MM):
180 gr. di bulgur
2 carciofi (io ho scelto le mammole)
4 cucchiai di pomodorini pachino sott’olio
12 circa foglie di menta fresca
4 cucchiai rasi di olio extra vergine di oliva
sale q.b.

Insalata in barattolo

(altro…)

Insalata di bulgur “arriminata”, ricetta fusion.

Insalata di bulgur “arriminata“: una gustosissima ricetta fusion che unisce un ingrediente molto diffuso in medio oriente (il bulgur) a una preparazione tipica della tradizione culinaria siciliana (la pasta  con i broccoli “arriminata“).

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:
120 gr. di bulgur
250 ml. di acqua calda salata
250 gr. di cimette di cavolfiore
40 gr. di uvetta
40 gr. di pinoli
1/2 cipolla bianca
1/2 bustina di zafferano
olio extra vergine di oliva q.b.
sale q.b.

Versare in un pentolino il bulgur con l’acqua calda salata e lo zafferano.
Cuocere coperto a fuoco molto dolce per circa dieci minuti.
Sbollentare in abbondante acqua salata le cimette di cavolfiore per circa dieci minuti.
Scolare le cimette di cavolfiore.
Tritare finemente la cipolla bianca.
In un’ampia padella scaladre un filo di olio extra vergine di oliva e rosolare la cipolla tritata con un pizzico di sale.
Aggiungere le cimette di cavolfiore, i pinoli e l’uvetta precedentemente ammollata in acqua tiepida e saltare il tutto per qualche minuto a fuoco vivace.
Aggiungere il bulgur e saltare il tutto ancora per qualche istante a fuoco vivace.
Aggiustare di sale se necessario.
Servire l’insalata di bulgur “arriminata” tiepida o fredda.
Le dosi indicate sono ideali per un piatto unico per due persone ma possono essere indicative per un aperitivo per quattro persone da servire in piccole ciotoline monoporzione.Insalata di bulgur "arriminata".Insalata di bulgur "arriminata".[banner network=”altervista” size=”300X250″]

 

Tabbouleh, rivisitazione ricetta etnica.

Il tabbouleh è un piatto tipico della cucina araba a base di bulgur.
Esistono moltissime versioni del tabbouleh, rispetto alla ricetta classica, a patto che le verdure siano tutte a crudo.

INGREDIENTI PER 4/6 PERSONE:
240 gr. di bulgur
500 ml di acqua tiepida leggermente salata
1 cuore di sedano
1 finocchio grande
2/3 carote
150 gr. di olive taggiasche
15 capperi dissalati
1 mazzetto di basilico
olio e.v.o.
sale q.b.
1 limone

Versare il bulgur in una padella con l’acqua tiepida leggermente salata e portare a bollore.
Quando l’acqua inizia a bollire abbasare il fuoco e far cuocere per dieci minuti coprendo con un coperchio.
A cottura ultimata del bulgur farlo riposare coperto ancora cinque minuti.
Mentre il bulgur si raffredda pulire a tagliare sedano, finocchio e carote a piccoli dadini regolari.
Tritare il prezzemolo e i capperi dissalati molto finemente (aiutandosi con una mezzaluna).
Versare il bulgur, le verdure a dadini e le olive taggiasche sgocciolate in un’insalatiera e condire con il trito di capperi e prezzemolo, il succo e la scorza grattuggiata di un limone, olio extra vergine di oliva e un po’ di sale.
Far riposare il tabbouleh in frigorifero per un paio di ore.
Per un aperitivo tra amici o un buffet servire il tabbouleh in coppettine monoporzione.Tabbouleh.

[banner network=”altervista” size=”300X250″]