Torta della nonna soft by Letizia Zumbé

Torta Zumbé

 

La mia carissima amica Letizia, come tutte noi mamme, si diletta in cucina e tra una prodezza e l’altra, la domenica riusciamo anche a sfornare delle vere delizie. Questa è la sua rivisitazione della torta della nonna in versione soft, quindi non con la classica pasta frolla. Una delizia morbida e profumata per la gioia dei piccini e dei grandi che magari possono accompagnarla con un limoncello rigorosamente fatto in casa!

Ingredienti

Per la base

  •  farina  0 gr 150
  • 2 uova
  • zucchero gr  125
  • un bicchiere di olio evo coratina
  • un limone (scorza grattugiata)
  • un bicchiere di latte
  • una bustina di lievito
  • essenza di mandorla

Per la crema:

  • 3 tuorli
  • zucchero gr 150
  • latte intero ml 400
  • amido di mais gr 50
  • scorza di limone
  • una bacca di vaniglia

Per la decorazione

  • pinoli
  • mandorle in granella
  • zucchero a velo

Procedimento

Per la base, con le fruste montate due tuorli con lo zucchero fino a rendere l’impasto chiaro e spumoso quindi aggiungere la farina setacciata e gli altri ingredienti. Poi montate gli albumi a neve ben ferma e incorporatele all’impasto, per ultimo il lievito setacciato. Infornate a 180° in una teglia da cm 30 foderata con della carta da forno.

Preparate poi la crema. Montate con le fruste i tuorli e lo zucchero, Aggiungete il latte freddo e l’amido di mais. Ponete tutto in un pentolino con una scorza di limone e i semi di una bacca di vaniglia mantenendo la fiamma bassa, mescolate portando a cottura.

Quando la base sarà ben raffreddata prendete un coltello molto affilato e lungo con il quale taglierete la torta in modo da livellarla ottenendo una base liscia ed omogenea. Volendo potete spruzzare la base con un liquore alla mandorla, del limoncello o del succo di frutta all’arancia o ananas, a vostra scelta.

Coprite la torta con la crema e lasciatela riposare in frigo almeno un’ora. Prima di servire decoratela con le mandorle, i pinoli e lo zucchero a velo. Brava Letizia!

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Semifreddo ai pistacchi di Bronte Successivo Siciliainbocca degusta Firriato