Crea sito

Tartare di tonno all’arancia

Il nome tartare sembra che derivi dai Tartari che, essendo un popolo nomade, non avevano spesso modo di cucinare la carne e la mangiavano cruda. Per renderla più tenera, la mettevano sotto alle selle dei cavalli durante le marce riducendola in poltiglia… una tartare appunto. Ora è un termine che viene usato sia per la carne che per il pesce.

Ingredienti

Tartare di tonno all'arancia
Tartare di tonno all’arancia

Qualche fetta di tonno

Un paio di arance

Sale

Pepe

Olio evo

menta o finocchio selvatico

 

Preparazione

Per questa ricetta non servono tanti ingredienti e per una buona riuscita molto dipende dalla qualità delle materie prime quindi le sceglieremo di eccellente qualità.

Scegliete un coltello molto affilato e riducete a tartare il tonno. Mettetelo in una ciotola,  spremete il succo delle arance e aggiungetelo al tonno. A vostro piacere, potete anche unire qualche erba tritata ad esempio la menta o il finocchietto selvatico. Coprite la ciotola con una pellicola e lasciate marinare in frigo per un ora. Tiratelo fuori dal frigo almeno un quarto d’ora prima di servirlo perché troppo freddo perde di fragranza. Salate e pepate e impiattate con un coppapasta e decorate come più vi piace. Buon appetito!

Print Friendly, PDF & Email