Pinsa romana

La pinsa romana è un piatto di antichissime origini che si può considerare l’antenato della pizza.
Il nome pinsa deriva dal latino pinsere che vuol dire allungare e si riferisce proprio alla sua forma allungata. E’ caratterizzata dall’uso di farine diverse e da una lunghissima lievitazione che consentono un risultato croccante fuori, morbidissimo dentro e molto digeribile. Viene condita di base con olio, sale e erbe aromatiche, ma ci si può sbizzarrire con le farciture tipiche della pizza.
Leggete come fare la pinsa romana con la ricetta facile che trovate di seguito, come al solito, subito dopo la foto 😉

pinsa romana gp
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione25 Minuti
  • Tempo di riposo1 Giorno 4 Ore
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 350 gfarina di semola di grano duro rimacinata
  • 20 gfarina di riso
  • 15 gfarina di soia
  • 2 glievito di birra secco
  • 180 gpassata di pomodoro
  • 125 gmozzarella
  • olio extravergine d’oliva
  • basilico
  • origano
  • sale

Preparazione della pinsa romana

  1. In una capiente ciotola mescolate i tre tipi di farina e il lievito.

    Fate un vuoto al centro e aggiungete 280 ml di acqua e un cucchiaio di olio extra vergine di oliva.

    Impastate fino ad ottenere un composto omogeneo, quindi aggiungete 1 cucchiaio di sale e impastate ancora fino a farlo assorbire.

    Quando il vostro impasto sarà asciutto ed elastico (ci vorranno una quindicina di minuti in tutto), formate una palla e disponetela in una ciotola.

    Coprite la ciotola con della pellicola per alimenti e lasciate lievitare l’impasto in frigorifero per almeno 24 ore.

  2. Trascorso questo tempo suddividetelo in due o più panetti e lasciate che lievitino ancora fino al raddoppio, per circa 4 ore, sempre ben coperti e distanziati in frigorifero.

    Al termine della lievitazione, riprendete ciascun panetto e stendetelo su di una teglia in modo da dargli la caratteristica forma ovale allungata.

    Preparate un’emulsione di acqua, olio e sale grosso e distribuitela sulla superficie delle pinse.

    Infornate in forno già caldo a 250° in modalità statica per dieci minuti.

  3. Nel frattempo in una ciotola mettete la passata di pomodoro e conditela con origano, basilico spezzettato, olio e sale.

    Tagliate a fettine la mozzarella.

    Dopo i primi dieci minuti di cottura delle pinse ricopritele con la passata di pomodoro condita e la mozzarella a fettine e infornate di nuovo, abbassando la temperatura del forno a 200°, per cinque, dieci minuti, fino a quando la mozzarella non si sarà sciolta.

    Sfornate e servite subito, ben calda, la vostra pinsa romana.

    Chez Bibia

Note

Visita anche la raccolta Focaccia 10 ricette insolite e sfiziose tutte da provare: la trovi cliccando QUI.

Se vuoi rimanere sempre aggiornato sulle mie ricette, senza perdertene più nemmeno una, segui e diventa fan della mia pagina su facebook: ti basta solo cliccare QUI e aggiungere il tuo “Mi piace” alla pagina 😉

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da chezbibia

Chez Bibia è il blog di cucina di Fabiola, mamma, moglie e casalinga, grande appassionata di cucina che adora raccontare le ricette provate o improvvisate, testate dalle sue bimbe e da suo marito (tutti vivi e in ottima salute!!!)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright - Chez Bibia © 2012 2022

Partita iva 01362580779

Tutti i diritti sono riservati. Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà esclusiva di Fabiola Semeraro e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche. E' vietato l'uso per fini commerciali e vietata la modifica. La violazione del diritto d'autore è un reato ed è perseguibile legalmente per furto di proprietà intellettuale.