Crea sito
Blog di Chef Giorgio

SPAGHETTI CREMA DI CAVOLO NERO, FONDUTA DI PECORINO E GUANCIALE CROCCANTE

La ricetta di oggi ha quasi totalmente ingredienti toscani, difatti sia il cavolo nero, che il pecorino (ho usato quello di Pienza) provengono dalla zona della Valdichiana e Val d’Orcia.
L’abbinamento creato da un sapore sublime, che vi consiglio vivamente, ha un retrogusto amarognolo del cavolo, ma non è pesante al palato, tutto bilanciato dalla sapidità della fonduta di pecorino e la croccantezza e il sapore del guanciale (in questo caso quello che uso spesso nelle mie ricette romane)
L’esecuzione del piatto è semplicissimo sono pochissimi passi che anche la persona con poca dimestichezza in cucina può prepararlo tranquillamente.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 4 persone:

  • 200 gcavolo nero
  • 130 gpecorino di Pienza (potete usare anche il romano)
  • 1 spicchioaglio
  • q.b.olio, sale, pepe
  • 2fette guanciale sottile
  • 500 gspaghetti
  • 1/2 bicchierepanna da montare liquida

Preparazione

  1. Lessiamo 15 minuti il cavolo nero in acqua salata, dopodiché lo ripassiamo in padella con un filo di olio e uno spicchio di aglio (opzionale il peperoncino) per altri 10 minuti

  2. In una padella rendiamo croccante il guanciale che avremo diviso a metà creando 4 pezzi che serviranno a guarnire il piatto alla fine

  3. Dopo aver ripassato in padella il cavolo, lo trasferiamo in un contenitore alto e lo passiamo col mini pimer ottenendo una crema densa, aggiustiamo di sale e aggiungiamo un cucchiaio di olio.

  4. Tagliamo il pecorino e lo mettiamo a pezzi piccoli, meglio se grattugiato in un tegamino con la panna e facciamo amalgamare il tutto ottenendo una crema densa

  5. Portiamo a bollore l’acqua per la pasta (io ho riusato quella dove ho lessato il cavolo) e buttiamo gli spaghetti, che andremo a scolarli al dente e ripassati in padella insieme alla crema di cavolo nero, dopodiché impiattiamo guarnendo con la fonduta di pecorino e una fettina di guanciale croccante.

/ 5
Grazie per aver votato!