Peperoni ripieni di bulgur

I peperoni ripieni di bulgur sono un esperimento che ho fatto per caso così, giusto per provare. Ma il risultato è stato così buono ed erano così belli da vedere 🙂 che non ho resistito alla tentazione di fotografarli.

Perciò ora vi do la ricetta, spero piaccia anche a voi! 😀

peperoni ripieni di bulgur

Da sempre sono stata molto attratta dalle foto dei peperoni ripieni, con tanto di calotta con il gambo, visti su riviste, libri e blog di cucina. Ma per qualche motivo che non so non ho mai voluto provare a cucinarli.
Anzi, sì, un po’ lo so.
Di solito, almeno nei miei ricordi, erano ripieni di riso e l’idea di riempire dei peperoni con il riso non mi ha mai attirato granché. Mi immaginavo di tagliare il peperone e di veder cadere nel piatto tutto il riso sgranato, e non mi piaceva l’idea.

Ma ora che ho provato con il bulgur, che si è comportato più o meno come mi aspettavo dal riso  😆  la cosa non mi è parsa poi così grave! e comunque… devo proprio dire che la bella figura che questi peperoni ripieni di bulgur hanno fatto nel piatto mi ha ampiamente ripagata!
E il prossimo passo… sarà quello di provare con il riso!! Ah ah! 😀

Se non conoscete il bulgur vi spiego brevemente cos’è: è un derivato del frumento di grano duro, ridotto in granella similmente al cuscus ma a grana più grossa. A differenza del cuscus si ottiene da semi germogliati e integrali, perciò è una buona fonte di fibre, oltre che di vitamine e sali minerali. È originario della Turchia, mentre il cuscus dall’Africa.

E ora ecco la ricetta!

Peperoni ripieni di bulgur

Ingredienti
6 peperoni piccoli (oppure 4 grandi)
200 g di bulgur
1 carota
1 gambo di sedano
½ cipolla
½ litro d’acqua (o brodo vegetale)
olive nere a piacere
olio
pepe

Procedimento
Cuocere il bulgur seguendo le istruzioni riportate sulla confezione. Io l’ho cotto in acqua, a cui ho aggiunto un cucchiaino d’olio, per circa 15 minuti. Scolarlo, versarlo in una ciotola e sgranarlo con una forchetta, se necessario.

Lavare e tagliare a tocchetti il sedano e la carota. Tritare nel mixer insieme alla cipolla.

Sciacquare le olive e tritarle grossolamente.

In una padella soffriggere in poco olio il trito di verdure. Per una cucina ancor più dietetica si possono cuocere a coperchio chiuso con l’aggiunta di qualche cucchiaio d’acqua o brodo vegetale. Aggiungere le olive tritate.

Versare nella padella il bulgur e lasciarlo insaporire.
Aromatizzare eventualmente con erbe aromatiche a piacere e con pepe o peperoncino.

Lavare i peperoni.
Tagliare la calotta, togliere i semi e i filamenti e riempire i peperoni con il bulgur alle verdure.

Disporre i peperoni in una pirofila ricoperta di carta forno. L’uso della carta forno consente una cottura leggera, anzi direi dietetica, perché così i peperoni non si attaccano sul fondo della pirofila pur senza aggiungere alcun condimento.

Chiudere i peperoni con la loro calotta.
Cuocere in forno a 180-200 gradi per circa mezz’ora. Togliere le calotte a metà cottura per evitare che si abbrustoliscano troppo.

Il tempo di cottura può essere variabile, non solo in dipendenza del forno, come tengo sempre a precisare, ma anche del vostro gusto personale, in quanto il grado di cottura dei peperoni dipende, secondo me, dal gusto personale.

Varianti:
Questa ricetta è volutamente vegan. Si può trasformare in vegetariana aggiungendo del formaggio a dadini o del grana grattugiato. In questo caso può tranquillamente essere considerato un piatto unico. L’aggiunta di formaggi rende sicuramente il ripieno più compatto.
Naturalmente si possono usare tutte le verdure preferite 😀 e ho già in mente alcuni prossimi esperimenti!

peperoni ripieni di bulgur

Senza saleVi ricordo che io cucino senza sale aggiunto. Se vi state chiedendo il perché 🙂 è tutto raccontato in questo mio articolo.

Se volete, o dovete, ridurre il sale dalla vostra alimentazione vi invito ad iniziare a farlo seguendo questi semplicissimi consigli:

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini.

Vi aspetto anche:

sulla mia pagina Facebook

le mie bacheche Pinterest

la mia Newsletter

e… iscrivetevi al mio gruppo! Il gruppo di Catia, in cucina e oltre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.