Orecchiette ai pomodorini e caciocavallo

Ve l’avevo detto, vero, che vi avrei parlato delle orecchiette ai pomodorini e caciocavallo? 🙂

Eccomi qui dunque a raccontarvi con questa ricetta una cosa che posso definire incredibile, avvenuta durante la nostra vacanza in Gargano: ispirati da una bruschetta al pomodoro che ci è stata servita con un antipasto… i miei figli hanno iniziato… udite udite… a mangiare i pomodori!!! 😮

Lo so, forse per qualcuno non è una notizia così incredibile, ma da quanto mi hanno riferito altre mamme credo che il problema verdure-figli non sia un problema solo mio, perciò ci tengo proprio a divulgare questa “notizia incrediiiibileeee”!

In questi giorni sto cercando di approfittare di questo primo passo verso il cambiamento, anche se non so per quanto durerà. Ieri ho portato in tavola pane e pomodori (mangiato tutto!! 😮 ) e oggi ho preparato le orecchiette ai pomodorini e caciocavallo, replicando un sugo semplice ma ottimo che durante le vacanze mia figlia aveva decisamente apprezzato… chiedendo il bis!!! 😮 Io e mio marito eravamo rimasti a bocca aperta mentre la guardavamo mangiare tutto il sugo con il pane! E sì che era un sugo di pomodorini a pezzi, non passato, e – fatico ancora a crederci! – ha mangiato tutto, bucce comprese!!

Perciò, prendete nota di questa ricetta! Queste orecchiette ai pomodorini, insaporite da una grattugiata di ottimo caciocavallo pugliese stagionato, spero proprio possano piacere anche ai vostri figli! (e a voi, s’intende 😀 ).

orecchiette ai pomodorini e caciocavallo

Il caciocavallo, devo dirlo, è il vero responsabile della riuscita di questo piatto, perché è un formaggio davvero gustoso, che a noi piace sia in versione dolce che piccante.

Io credo che ai miei figli piaccia anche per motivi emozionali, perché è diventato il loro “formaggio delle vacanze”. Ma se serve a far mangiare loro i pomodori, ben venga! Noi non vogliamo certo rinunciare a questa… emozione culinaria!!

Orecchiette ai pomodorini e caciocavallo

Ingredienti per 4 persone
400 g di orecchiette
600 g circa di pomodorini (o comunque la quantità che ritenete giusta per voi)
1 spicchio d’aglio
olio extravergine
origano
menta
caciocavallo stagionato

Procedimento
La realizzazione di questa ricetta è proprio semplice:

Mettere a bollire l’acqua per le orecchiette.
Lavare i pomodorini e tagliarli in due-tre pezzi.
In una padella saltapasta, far saltare i pomodorini con un giro d’olio, uno spicchio d’aglio tritato, origano e menta in quantità a piacere. Lasciarli cuocere a fuoco vivace e senza coperchio (più o meno il procedimento è lo stesso del sugo 7 minuti).
Durante la cottura dei pomodorini cuocere le orecchiette. Scolarle al dente, trasferirle nella padella saltapasta e mescolarle bene nel sugo di pomodorini.

Servire grattugiando sui singoli piatti il caciocavallo in quantità a piacere (più ce n’è, meglio è!).

recchiette ai pomodorini e caciocavallo

Prima di salutarvi… i miei consigli senza sale 😉

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

Grazie per essere passati di qui! 🙂

Seguitemi anche su Facebook! La mia fanpage è qui.

Ciao!!

Precedente Pane e pomodori (pugliesi doc!) Successivo Baci di amaretti a modo mio

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.