Mini friselle con pachino essiccati e quartirolo

Vi lascio al volo un’idea finger food, che riunisce tre regioni: mini friselle salentine condite in modo molto semplice con pomodorini di Pachino essiccati e dadini di Quartirolo lombardo.

Le mini friselle facevano parte del “bottino” gastronomico, ormai dilapidato, portato a casa dopo il nostro ultimo viaggio in Puglia. Un vero peccato non aver fatto una scorta più grossa! Erano proprio buone queste mini friselle! Le abbiamo provate sia ammollate che secche, ed erano ottime in entrambi i modi. Secche sembrano dei veri e propri crostini, tipo granetti o fette di pane biscottato, perciò ne abbiamo sgranocchiate tante anche da sole, oltre che farcite. Insomma, è stato uno di quegli acquisti che meritano un altro viaggetto. Ché da quando abbiamo scoperto il Salento non pensiamo ad altro che a volerci tornare!

Anche i pomodorini essiccati li avevo comprati in Puglia eh. Ovviamente non sono pugliesi ma di Pachino ma, dico io, trovo dei pachino igp e mi lascio sfuggire l’occasione di portarmeli a casa? Fate voi! 😀

Il quartirolo invece l’ho trovato qui, nel classico negozio in cui non ti aspetti di trovare dei prodotti dop, e dove invece li trovi e li compri subito senza pensarci due volte. Non lo conoscevo questo formaggio, cioè, sì certo che lo conoscevo, di nome, ma non avevo avuto mai l’occasione, chissà perché, di assaggiarlo. Ora però mi sono ripromessa di comprarlo più spesso, tanto mi è piaciuto 🙂
E’ un formaggio molle poco stagionato (ma informandomi ho scoperto che viene prodotto anche con stagionatura più lunga), delicato e leggero, leggermente friabile ma abbastanza compatto da poterlo tagliare bene senza fare briciole.

mini friselle con pachino e quartirolo

Vi piace il mio nuovo vassoietto? L’avevo comprato pensando di usarlo per dei pasticcini, ma non ho resistito… 😀

Ricetta!!!!

Mini friselle con pachino e quartirolo

Ingredienti
mini friselle pugliesi
pomodorini di Pachino IGP essiccati
Quartirolo lombardo DOP
olio extravergine d’oliva
origano

Per la marinatura dei pachino:
aglio
origano
maggiorana
peperoncino
olio

Procedimento
Per prima cosa condire i pomodorini secchi. Ci vorrà qualche ora, per cui consiglio di prepararli al mattino, al limite all’ora di pranzo, per poterli poi servire la sera.
Se non avete tempo di farli marinare, sono ottimi anche così, conditi senza ammollo, in quanto molto piccoli e sottili. Ad esempio li ho usati senza ammollo in un condimento per la pasta (tipo questo) e in una focaccia (tipo questa). Per queste friselline però trovo che siano più adatti quelli marinati, perché più morbidi e perché aromatici, grazie al condimento.

Per condirli procedere come vi ho raccontato in questa ricetta. Anche in quel caso si trattava di pomodorini siciliani, di sicura provenienza catanese 😉

Dopo aver scolato e asciugato i pachino, versarli in un barattolo di vetro, condirli con aglio tritato, origano e maggiorana (o le erbe aromatiche che volete, vanno bene anche timo, menta o basilico), peperoncino e olio, poco olio eh, giusto per inumidirli (non è necessario riempire il barattolo d’olio, se tenuti in frigo si conservano comunque per parecchi giorni).
Mescolare, chiudere il barattolo e far riposare per alcune ore.

Al momento di preparare il vostro finger food occorreranno davvero pochi minuti:
– inumidire le mini friselle passandole velocemente sotto un filo d’acqua corrente
– tagliare il quartirolo a dadini
– disporre le mini friselle in un piatto o un vassoio e decorarle con i pomodorini secchi conditi e con i dadini di formaggio.
mini friselle con pachino e quartirolo
– completare a piacere con un filino d’olio e l’origano.

Servire 🙂

Ottime come antipasto, ideali per accompagnare il vostro aperitivo, o come semplice ma sfizioso spuntino.

Variante: questo abbinamento pomodorini secchi + quartirolo può essere utilizzato anche per condire le classiche frise, non sarà più un finger food ma merita un assaggio, fidatevi. Date un’occhiata a questa mia ricetta e provate ad arricchire la salsa con pomodori secchi e quartirolo sbriciolato… una bontà!! 😉

Vi aspetto sulla mia pagina Facebook, passate a trovarmi!

Prima però… mi raccomando, leggete i miei consigli senza sale :

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Utilizzare il mio granulare vegetale senza sale
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare le cotture in acqua, preferire cotture che non disperdano i sapori (piastra, cartoccio, vapore, microonde)
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

Precedente Linguine integrali allo zenzero con semi di lino e chia Successivo Idee menu per San Valentino: pranzo o cena?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.