Frittata di spaghetti

Wow, wow e ancora wow! Oggi ci sono finalmente riuscita: ho fatto la frittata di spaghetti!

L’avevo provata diverse volte, ma non ero mai riuscita ad ottenere una frittata intera che non si rompesse in mille pezzi o che non si attaccasse al coperchio quando tentavo di girarla.
Credevo d’essere l’unica a non riuscirci, ma che potevo fare? Provare e riprovare. Ecco. E oggi posso dire… che ero l’unica a non riuscirci. Da oggi la frittata di spaghetti per me non ha più segreti!

Avevo degli spaghetti in bianco avanzati. L’idea di tentare (di nuovo!) di fare una frittata di spaghetti mi frullava per la testa da ieri, ma ero restia perché ero certa che avrei dovuto ammettere di fronte al mio pubblico, cioè questi figli e marito “santi subito”, che l’esperimento era di nuovo fallito.

E invece no!

Al momento di girare la frittata mi è venuta un’illuminazione. Non so se sia veramente per questo motivo o solo per fortuna… spero proprio non sia solo fortuna… mi è venuto in mente di mettere sulla frittata un po’ di pangrattato prima di girarla. Ho pensato che potesse asciugarla un po’ ed evitare il problema che avevo avuto in passato, cioè metà frittata appiccicata al coperchio, e… ha funzionato!

frittata di spaghetti

La mia frittata di spaghetti

Ingredienti
spaghetti cotti (l’equivalente di due piatti abbondanti)
passata di pomodoro (il necessario per condire gli spaghetti; se ne avete di già conditi, tanto meglio)
olio
origano
1 spicchio d’aglio
3 uova
poco latte
pangrattato q.b. (una bella manciata)

Procedimento
Cuocere per alcuni minuti il pomodoro con olio, origano e aglio tritato nella padella dove si intende poi fare la frittata.
Aggiungere gli spaghetti e rigirarli nel sugo.
Sbattere in una fondina le tre uova con poco latte (aggiungo sempre un po’ di latte nelle uova quando faccio qualsiasi tipo di frittata).
Versare le uova sbattute sugli spaghetti e farle distribuire bene muovendo un po’ la padella.
Controllare la cottura sollevando un lembo, e poi, prima di girarla, ricoprire tutta la superficie della frittata con il pangrattato.

Girare la frittata aiutandosi con un coperchio (un po’ di pangrattato rimarrà attaccato al coperchio) e completare la cottura.

Eccola qua la mia frittata di spaghetti, in tutta la sua bellezza! Almeno per me 🙂

Buon appetito!

frittata di spaghetti

Senza saleSenza sale, eh! Mi raccomando! 😀

Se sei interessato a ridurre o eliminare il sale, ricorda sempre di:

  • Diminuire il sale gradualmente, il palato deve abituarsi pian piano e non deve accorgersi della progressiva riduzione.
  • Utilizzare le spezie. Peperoncino, pepe, curry, noce moscata, cannella, chiodi di garofano, cumino…
  • Utilizzare le erbe aromatiche. Basilico, prezzemolo, origano, timo, salvia, maggiorana, rosmarino, menta…
  • Utilizzare i semi. Sesamo, pinoli, mandorle, noci…
  • Utilizzare ortaggi piccanti o frutta. Aglio, cipolla, limone, arancia…
  • Preferire i cibi freschi.
  • Evitare di portare in tavola la saliera!
  • Concedersi a volte uno strappo alla regola. Fa bene all’umore e aiuta a perseverare.

Se non vuoi, o non puoi, rinunciare al sale:

  • Puoi provare ugualmente le mie ricette salando secondo le tue abitudini. 🙂

 

Vuoi visitare la mia pagina Facebook? Clicca QUI 😀

Precedente Fragole con la panna montata Successivo Pizzette di melanzane (e di pane)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.