Crostata con le ciliege fresche

Buongiorno!! Oggi ho per voi una ricetta strepitosa! Una crostata con le ciliege fresche 🙂 Una buonissima (sì sì buonissima credetemi!) crostata con le ciliege che i miei figli hanno mangiato con ingordigia 😀 mentre, nel frattempo, io e mio marito ci guardavamo con aria… a metà strada tra il divertito e il disilluso.

Eh sì, perché… ci siamo concessi una sola fetta a testa per lasciare a loro il resto della crostata! Ahahah, ma quanti sacrifici si fanno per i figli!!! 😆

crostata con le ciliege

La pasta frolla che ho fatto per questa crostata con le ciliege fresche non è molto diversa dalla pasta frolla che faccio di solito, quella che definisco “mia” con orgoglio, perché è una ricetta che ripeto da decenni e che non mi ha mai deluso.
Ma, come sapete, a me piace variare e, soprattutto, mi piace modificare le ricette. Anche quando sono collaudate.

Ho scoperto poco tempo fa un agriturismo, qui a pochi chilometri da casa mia, che ha una rivendita di prodotti di loro produzione. Fra le diverse cose che ho acquistato (soprattutto verdura e frutta, ma anche qualche bottiglia di vino buonissimo 😉 ) non poteva non esserci la farina. Di tipo 1 e rigorosamente macinata a pietra.

Ed è questa farina tipo 1 che ho usato per fare la mia crostata con le ciliege, delle ciliege mature mature e buonissime, e anche queste a km 0.

Cioè, più o meno… 3 forse 4 km. Tanto per essere precisi. 🙂

crostata con le ciliege

Crostata con le ciliege fresche

Ingredienti
300 g di farina tipo 1
80 g di zucchero
80 g di burro
1 uovo
mezza bustina di lievito per dolci
scorza di limone grattugiata q.b.
poco latte (se necessario)
250 g di ciliege denocciolate
2-3 cucchiai di marmellata di amarene

Procedimento
Preparare la pasta frolla esattamente come ho descritto nella ricetta della mia pasta frolla classica.
A parte il tipo di farina e i 50 grammi di farina in più, non ci sono differenze nella modalità di realizzazione.
Dopo aver preparato l’impasto, riporlo in frigo a riposare.

Nel frattempo lavare le ciliege e snocciolarle.

Questa volta non mi sono lasciata trovare impreparata. Vi ricordate quello che vi ho raccontato nella ricetta dei tartufini con sorpresa? Eh, questa volta mi sono ben ricordata di possedere uno snocciolatore! E l’ho usato.
L’operazione è delle più semplici. Il nocciolo fuoriesce con facilità e, contrariamente a quanto accade con le olive – per lo meno nella mia esperienza – il nocciolo esce bello pulito, senza residui di polpa attaccata, e questa cosa mi è piaciuta.
Abbiate solo l’accortezza di fare attenzione agli schizzi 😉 se anche le vostre ciliege saranno mature e succose come quelle che ho usato io!

Comunque.
Considerazioni sulla succosità delle ciliege a parte, la realizzazione di questa crostata con le ciliege è davvero semplice. E’ il bello delle crostate, facili da fare e sempre una bontà!

Stendere la pasta frolla, procedere come vi ho raccontato un po’ in tutte le altre mie crostate (poi in fondo alla ricetta vi metto alcuni link).

Distribuire sulla pasta due cucchiai di marmellata.

Disporre le ciliege leggermente distanziate l’una dall’altra.

Perché distanziate è di semplice spiegazione: 250 grammi di ciliege non sono sufficienti a ricoprire interamente la base della crostata.

Né, d’altronde, mi sarebbe piaciuta una maggiore quantità. Per il mio gusto sarebbero state troppe. Sì, perché di ricette di crostate fatte con le ciliege fresche ho avuto modo di vederne parecchie, nei miei lunghi anni di lettrice di riviste di cucina o in rete, e di solito sono bellissime da vedere, con tutta quella distesa di ciliege fitte fitte messe una attaccata all’altra.
Ma dopo aver appagato il mio senso estetico, poi non mi hanno mai fatto venire quella gran voglia di mangiarle, perché mi danno “il senso del troppo”. Per quello che è il mio gusto, io trovo che in una crostata la pasta frolla abbia la sua notevole parte di importanza: la pasta si deve sentire e non deve essere in proporzione minore rispetto al ripieno.
E questo vale per le marmellate come per le farciture con creme o con frutta (soprattutto se molto succosa e dolce come in questo caso).

Perciò, gli spazi vuoti fra le ciliege li ho semplicemente riempiti con briciole di pasta. Visto che le strisce in questo caso non erano indicate.
Chi vuole, naturalmente può aumentare un po’ la quantità di marmellata, ma per me due cucchiai sono stati sufficienti.

Cuocere in forno statico a 200 gradi per 20 minuti. Teglia da 24 cm rivestita di carta forno.

E ricordate che se riuscite a resistere fino al giorno dopo… le crostate il giorno dopo sono più buone!! 😀

crostata con le ciliege

Grazie per aver letto questa ricetta!

Vi aspetto su Facebook! e su Pinterest!

E ora, come promesso, eccovi i link delle tre precedenti crostate:

Precedente Asparagi con la maionese (vegana) Successivo Frullato fresco di kiwi mela e pompelmo rosa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.