Crea sito

Succo di frutta albicocca

SUCCO DI FRUTTA ALBICOCCA

Ed eccomi qua con un’altra ricetta “da leccarsi le dita”, il succo di frutta albicocca, fatto dai miei con le albicocche del loro albero. Tutto a km zero. 🙂

In questo succo c’è proprio tutto dell’albicocca, a parte il nocciolo, hanno lasciato anche la buccia (ovvio che bisogna lavare bene la frutta), così avrete un succo di frutta ancora più buono. 😉
Si sente proprio la polpa della frutta ed è così buono che non smetteresti più di berlo.

Bere il succo di frutta fa bene, sia a colazione che a merenda. Potrebbe essere un buon inizio per una sana abitudine e quindi meglio farseli in casa no?! 😉

In fondo alla ricetta vi spiego come conservarli per averli tutto l’anno.

Succo di frutta albicocca
  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 600 ml
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Albicocche 350 g
  • Zucchero 50 g
  • Acqua 300 ml

Preparazione

  1. Prendete le albicocche, lavatele sotto l’acqua fredda e asciugatele con un canovaccio.
    Tagliatele a metà e togliete il nocciolo.

  2. Mettete una pentola capiente sul fuoco e versateci dentro l’acqua, lo zucchero e le albicocche.
    Portate a bollore e lasciate cuocere per circa 30 minuti.

  3. Una volta cotte le albicocche, lasciate intiepidire il tutto prima di procedere col frullatore.

  4. Quando il vostro “futuro” succo di frutta si sarà intiepidito, passate tutto al frullatore, sia albicocche che liquido.
    Frullate fino ad ottenere una purea. La densità dipenderà dalla quantità di acqua che avrete messo. Se lo volete più liquido, vi basterà aggiungere altra acqua.

  5. A questo punto, prendete le bottiglie di vetro, precedentemente sterilizzate e, con l’aiuto dell’imbuto, versate con il mestolo il succo di frutta albicocca nella bottiglia, facendo attenzione a non riempirla troppo (dovete lasciare due dita di aria tra il succo e il tappo).
    Ora chiudete la bottiglia col tappo.

  6. Procedete così con tutto il succo di frutta.
    A questo punto il vostro succo di frutta albicocca è pronto per essere gustato fresco, ma se volete, potete farne anche scorta per l’inverno e quindi dovete procedere alla sterilizzazione e creare il sottovuoto.

  7. Ecco come procedere se volete fare un’ulteriore sterilizzazione:
    Preparate una pentola bella capiente sul fuoco, metteteci una ad una tutte le bottiglie di succo di frutta, prendete gli stracci e avvolgeteli intorno alle bottiglie, per far si che quando l’acqua bollirà, queste non tocchino tra loro, rischiando di rompersi.

  8. Aggiungete l’acqua nella pentola fino a coprire le bottiglie di succco di frutta albicocca, poi portate a ebollizione e lasciate cuocere per 20 minuti.
    Spegnete il fuoco e lasciate raffreddare.

  9. Tirate fuori dall’acqua, una ad una, tutte le bottiglie, asciugatele con un panno e assicuratevi che abbiano fatto tutte il sottovuoto.

    Ecco, ora avete il vostro succo di frutta albicocca biologico, fatto in casa! 😉

  10. Cliccate qui e troverete tante altre ricette di succhi di frutta. 😉

Note

1. Conservate il succo di frutta albicocca in un luogo buio, fresco e asciutto. Se conservato bene, può durare fino a dodici mesi.

2. Se volete fare una quantità maggiore di succo di frutta, vi basterà moltiplicare o triplicare le dosi. 😉

3. Io ho usato bottiglie col tappo a corona, ma se non avete la macchinetta apposta, potete tranquillamente usare bottiglie di vetro con tappo a vite.

4. Ci tengo molto a darvi questo piccolo, ma prezioso consiglio.
Io, per la preparazione del succo di frutta albicocca, ho preferito usare prodotti (ove possibile) sicuri della provenienza e/o provenienti da agricoltura biologica, perchè per una vita sana è sempre meglio essere prudenti e controllare la provenienza degli alimenti che consumiamo. 😉

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche sui social! 🙂

FACEBOOK – INSTAGRAM – PINTEREST– TWITTER – YOUTUBE

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.