Polpette uvetta e pinoli…

Come ogni anno, a Carnevale, da me oltre alle frittelle e le chiacchiere si mangiano le polpette uvetta e pinoli.
Sono facili e veloci da preparare, io ho modificato solo la cottura, le ho cotte al forno al posto che fritte nella padella, ma vi assicuro che sono buonissime lo stesso. 😉
Anche quest’ anno le polpette uvetta e pinoli non potevano mica mancare sulla mia tavola…
E colgo l’ occasione per lasciarvi anche la mia ricetta di famiglia. ^_^

Polpette uvetta e pinoli

Polpette uvetta e pinoli

Ingredienti:
– 500 gr di carne macinata ( manzo magro );
– 70 gr di uvetta;
– 30 gr di formaggio pecorino romano grattuggiato;

– 3 uova medie;
– 190 gr di pane grattuggiato;
– un ciuffo di prezzemolo;
– 1 aglio;
– olio extravergine di oliva;
– una spolverata di pepe;
– sale q.b.

Occorrente:
– una terrina;
– pirofila in vetro o ceramica

Preparazione:
Lavate il prezzemolo sotto l’ acqua corrente, asciugatelo con un panno e tritatelo.
Sbucciate l’ aglio e tritate anche questo.

Mettete nella terrina la carne, aggiungete il prezzemolo e l’ aglio tritati, il formaggio, il pepe, il sale, due delle tre uova e cominciate a impastare con le mani.

Adesso, poco per volta, aggiungete il pane grattuggiato e continuate ad impastare.
Quando l’impasto sarà ben compatto e gli ingredienti saranno amalgamati bene tra loro aggiungete i pinoli, l’ uvetta e il terzo uovo.
Incorporate bene i pinoli e l’uvetta nell’ impasto e quando il composto risulterà omogeneo, cominciate a formare le vostre polpette uvetta e pinoli.

Fate tante piccole polpette e adagiatele su un piatto.
Prendete una ciotolina e versateci dentro un pò di olio di oliva. Passate le polpette una alla volta nell’ olio e poi adagiatele nella pirofila, che avrete unto precedentemente con un filo di olio.
Fate così con tutte le polpette.

Accendete il forno a 180° C e infornate le polpette uvetta e pinoli, nel forno già caldo, per circa 40 minuti ( dipende molto dal tipo di forno ).

 

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su facebook:

Carmencita da leccarsi le dita

Precedente Frittelle di carnevale alle mele Successivo Risotto ai lamponi e Champagne rosè

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.