Crea sito

Pastiera napoletana

La pastiera napoletana è un dolce tradizionale napoletano che, come tradizione, si prepara il giovedì santo, si copre con un telo e si mangia la domenica di Pasqua.
La base è fatta con una fragrante pasta frolla, mentre il ripieno è morbido, cremoso e aromatizzato con spezie e acqua fiori d’ arancio.
Nella ricetta originale la pastiera napoletana si preparava con la pasta fresca e non con la pasta frolla, da questo deriva il nome pastiera.

Pastiera napoletana

Pastiera napoletana

 

” Ingredienti per una pastiera napoletana “
Per la base:
– Pasta frolla ( Cliccate sul link e seguite passo passo la ricetta )

Per il ripieno:
– 300 g di ricotta ( potete fare un misto, metà pecora e metà mucca );
– 300 g di grano precotto;
– 280 g di zucchero;
– 300 ml di latte intero;
– 50 g di burro;
– 2 uova intere e due tuorli;
– 70 g di canditi ( cedro e arance );
– 50 g di ciliege candite;
– 1 bacca di vaniglia;
– 30 ml di acqua fiori d’ arancio;
– 1 stecca di cannella;
– la scorza grattuggiata di un limone biologico

Preparazione:
Preparate la pasta frolla, avvolgetela nella pellicola trasparente e mettetela a riposare in frigo.

Nel frattempo preparate il ripieno.
In una pentola versate il latte, aggiungete il grano precotto, il burro, la stecca di cannella e la scorza grattuggiata di un limone biologico.

Con un cucchiaio di legno mescolate il tutto, portate ad ebollizione e continuate a mescolare tenendo il fuoco basso fino a che il composto non si rapprende e diventa una crema.

Quando la crema sarà pronta, togliete la stecca di cannella, versate il composto in una terrina e lasciate intiepidire.

Nel mixer versate la ricotta, le due uova intere e i due tuorli, aggiungete poi l’ acqua di fiori d’ arancio, i semi della bacca di vaniglia e lo zucchero.
Amalgamate bene il tutto fino ad ottenere una crema liscia e omogenea.

Aggiungete alla crema il composto con il grano e i canditi tagliati a pezzetti.
Mescolate con un cucchiaio di legno per incorporare bene tutti gli ingredienti.

A questo punto passate di nuovo alla pasta frolla.
Rivestite una teglia ( ci sono anche le teglie proprio per la pastiera napoletana ) dal diametro di 28 cm con un foglio di carta da forno, prendete il panetto di pasta frolla, lasciatene indietro una parte per poter preparare le losanghe che serviranno per guarnire la pastiera napoletana.

Stendete il panetto di pasta frolla e foderate la teglia.
Versate il ripieno nella teglia, fino a raggiungere i bordi della pasta frolla.

Prendete il pezzo di pasta frolla che avete tenuto da parte e stendetelo in una sfoglia sottile, poi con una rotella tagliate della strisce della larghezza di circa 1,5 cm.
Decorate la pastiera napoletana con le strisce ottenute disponendoli in modo diagonale da formare dei rombi.

Spennellate sopra le strisce un uovo sbattuto, fecendo il tutto con molta attenzione e aiutandovi con un pennellino.
Così la vostra pastiera napoletana risulterà più lucida.

Infornate la pastiera napoletana nel forno già caldo a 180° per 60 minuti circa.
Quando la superficie sarà dorata, toglietela dal forno e lasciatela raffreddare nella sua teglia.

Servite la pastiera napoletana su un piatto da portata.

Pastiera napoletana

Abbinamento:
Dolce ” Pastiera napoletana “ vino in abbinamento, bianco Sicilia ” Passito di Pantelleria “
Caratteristiche:
La pastiera napoletana ha un’ ottima dolcezza, una spiccata aromaticità e una struttura importante. Il vino si presenta anch’ esso con un’ ottima dolcezza, buone la freschezza e la sapidità e ben strutturato.

Pastiera napoletana

Nota: Se nel ripieno non vi piace sentire il grano sotto i denti, potete passare col passaverdure la crema di grano appena tolta dal fuoco e raccogliere in una terrina una crema liscia e omogenea che andrete ad aggiungere alla crema di ricotta ( sempre una volta che si è intiepidita ).

 

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche sui social! 🙂
FACEBOOK – INSTAGRAM – PINTEREST– TWITTER – YOUTUBE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.