Panzarotti napoletani

Conoscete i panzarotti napoletani?
So già che molti di voi li staranno confondendo con i panzerotti che sono molto diversi, anche se cambia solo una vocale. 😉
Quelli di cui vi parlo io, sono fatti con pochi e semplici ingredienti, che tutti noi abbiamo in casa e al mio paese di origine li vendono in strada, dove ve li fanno al momento e posso assicurarvi che sono una cosa fenomenale! 🙂
Per questa ricetta devo ringraziare i miei, anche loro golosi come me dei panzarotti, hanno provato e riprovato a farli a casa, finchè non ce l’hanno finalmente fatta!
E il segreto sapete dov’è? Tutto nelle patate, perchè basta lessarle e schiacciarle il giorno prima.
Profumati, croccanti e gustosi, con questa ricetta sarà un gioco da ragazzi prepararli in casa! 😉

Panzarotti napoletani come farli in casa

Panzarotti napoletani

Difficoltà: Bassa
Tempo di preparazione: 15 minuti + il tempo di cottura

Ingredientdi per circa 30/35 panzarotti napoletani:
– 1,5 kg di patate (io ho usato quelle a pasta gialla);
– 20 gr di prezzemolo, io ho usato quello sott’olio (cliccate qui per la ricetta);
– 1 spolverata di pepe nero;
– sale fino q.b.

Preparazione:
La sera prima, lessate le patate in abbondante acqua, quando saranno pronte, tiratele su, pelatele e schiacciatele.
Trasferite le patate schiacciate in una terrina e copritele con la pellicola per alimenti.

Il giorno dopo, aggiungete alle patate schiacciate il pepe, il prezzemolo tritato (precedentemente lavato e asciugato), salate secondo i vostri gusti e lavorate l’impasto con le mani.

Quando avrete amalgamato bene il tutto, prendete poco impasto per volta e date una forma cilindrica ai panzarotti napoletani, procedendo così fino alla fine dell’impasto.

Prendete una pentola abbastanza piccola, ma con i bordi alti, versate abbondante olio per friggere e fatelo scaldare.
Quando l’olio sarà ben caldo, cominciate a friggere i panzarotti napoletani.

Cuocetene pochi per volta, non devono sovrapporsi tra loro.
Quando sono ben dorati, ma non troppo, tirateli su dall’olio e adagiateli su un piatto rivestito con carta assorbente.
Procedete così con tutti i panzarotti.

Ecco, ora che i panzarotti napoletani sono pronti, serviteli in tavola ben caldi e… buon appetito! 😉

Abbinamento:
Piatto “Panzarotti napoletani” vino in abbinamento, bianco Veneto “Conegliano Valdobbiadene Prosecco”
Caratteristiche:
I panzarotti napoletani hanno una discreta struttura, buona sapidità e aromaticità. Il vino ha una buona sapidità e freschezza, supportate da discreta morbidezza e con un finale leggermente ammandorlato.

Consiglio: Ci tengo molto a darvi questo piccolo, ma prezioso consiglio.
Io, per la preparazione dei panzarotti napoletani, ho preferito usare prodotti (ove possibile) sicuri della provenienza e/o provenienti da agricoltura biologica, perchè per una vita sana è sempre meglio essere prudenti e controllare la provenienza degli alimenti che consumiamo. 😉

Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su facebook:    Carmencita da leccarsi le dita

Precedente Panini dolci con gocce di cioccolato Successivo Panini alla mortadella

2 commenti su “Panzarotti napoletani

    • carmencita81 il said:

      Ciao Riccardo. Le crocchette che trovi un pò dappertutto, si diversificano dai panzarotti per la panatura e spesso sono fatte con le uove e formaggio. Mentre, i panzarotti, tipico prodotto napoletano è fatto semplicemente con le patate, prezzemolo, pepe e sale, ed è proprio la sua semplicità che li rende così speciali! 😉

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.