Fatti fritti (frati fritti)

I Fatti fritti (frati fritti) sono un dolce tipico sardo che solitamente viene preparto in occasione del Carnevale. Sono delle soffici ciambelle, che vengono fritte e subito cosparse di zucchero.

Nella lingua sarda i fatti fritti sono chiamati Parafrittus o frati fritti, per errore vengono però comunemente chiamati fatti fritti.

L’origine del loro nome deriva dalla riga bianca che si forma durante la frittura, che ricorda il cordone del saio dei frati.

I fatti fritti, insieme alle zeppole, sono i dolci che non possono mancare durante il Carnevale sardo, dunque io, da buona sarda, non posso fare altro che prepararli.

Seguite la mia ricetta e otterrete dei fatti fritti particolarmente soffici, una vera delizia!!!

 

 

 

 

 

Fatti fritti (frati fritti), dolci di Carnevale
  • Preparazione: 6 Ore
  • Cottura: 30 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 20 pezzi
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Farina 00 300 g
  • Farina Manitoba 300 g
  • Latte 300 ml
  • Uova 2
  • Burro 60 g
  • Zucchero 60 g
  • Scorza d'arancia (grattugiata) 1
  • Scorza di limone (grattugiata) 1
  • Sale 1 pizzico
  • Lievito di birra fresco 20 g
  • Lievito in polvere per dolci (mezza bustina)
  • Acquavite (fil e ferru) 1 bicchierino

Preparazione

Procediemento Bimby

  1. Bombe alla crema
    • Inserite nel boccale 150 ml di latte, il burro e il lievito di birra   2 min / 37°C / Vel.2.
    • Inserite il resto degli ingredienti e lavorate 8 min / Spiga.
    • Trasferite l’impasto ottenuto in un capiente recipiente, rivestitelo di pellicola da cucina.

     

     

  2. Bombe alla crema
    • Lasciate lievitare per almeno 2 ore in forno con la luce spenta fino al raddoppio

     

     

  3. Fatti fritti o parafritti, dolci fritti tipici del carnevale sardo.
    • Una volta che l’impasto è raddoppiato di volume, create delle palline e adagiatele su una tovaglia infarinata.
    • Appiattite leggermente le palline e, con un coppa pasta delle diemensioni di 3/4 mm, formate i buchi al centro di ogni pallina.

     

  4. Fatti fritti o parafritti, dolci fritti tipici del carnevale sardo.
    • Coprite i fatti fritti con un canovaccio e lasciateli lievitare per 2 ore o fino al raddoppio.
    • Scaldate l’olio e fategli raggiungere una temperatura di circa 170°C.
    • Immergete delicatamente  i fatti fritti e fate dorare da entrambe le parti, ci vorrà circa 1 minuto per lato.
    • Scolateli e adagiateli su carta assorbente da cucina.
    • Passateli subito dopo nello zucchero, in questo modo si attaccherà per bene su tutta la superficie dei fati fritti.
  5. Fatti fritti o parafritti, dolci fritti tipici del carnevale sardo.
    • Ecco i fatti fritti, con la classica riga bianca che si forma durante la frittura (quando son ben riusciti non deve mancare 😉 )

Consigli

  • Potete mettere anche un altro liquore (tipo rum), oppure ometterlo completamente.
  • I fatti fritti si prestano molto bene ad essere riempiti con della crema pasticcera, in questo caso basta fare solo le palline e non formare il buco centrale 😉
  • I fatti fritti rimangono soffici anche il giorno dopo, potete scaldarli rapidamente al microonde.
  • Se volete, una volta cotti e raffreddati, potete congelarli.
Precedente Crema pasticcera Successivo Cotolette di pollo e spinaci (spinacine)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.