Marmellata di fragole e rabarbaro

La marmellata di fragole e rabarbaro è una tipica ricetta norvegese che amo moltissimo, non so se conoscete il rabarbaro e le sue proprietà benefiche e curative, ma la sua presenza nelle marmellate da anche la possibilità di evitare il limone e il fruttapec.

Il rabarbaro una pianta originaria dell’Asia e diffusasi in Europa dopo il 2.700 a.c.. ; Il suo nome deriva inoltre dall’unione di due parole greche: “ra” ovvero pianta e “barbaron” che significa barbaro. Perchè barbaro? per fare capire che era solita la coltivazione di tale erba tra le tribù “barbare”. Dunque una pianta utilizzata molto nelle ricette norvegesi e scandinave. Il rabarbaro è molto indicato per curare malattie al fegato e in piccole dosi aiuta anche contro la stitichezza e la digestione lenta.

Questa marmellata oltre ad essere molto buona sul pane o sui dolci è perfetta per accompagnare dei formaggi stagionati.

Un dolce tipico norvegese con il rabarbaro che amo moltissimo è il rabarbrakake o dolce al rabarbaro norvegese.

Marmellata di fragole e rabarbaro

Marmellata di fragole e rabarbaro .

Ingredienti:

  • 500 g di fragole
  • 500 g di rabarbaro
  • 800 g di zucchero
  • 1 baccello di vaniglia
  • 5 grani di pepe rosa

Preparazione della marmellata di fragole e rabarbaro:

Per realizzare la marmellata di fragole e rabarbaro per prima cosa bisogna lavare le fragole in una bacinella piena d’acqua e se necessario ripetete l’operazione cambiando l’acqua, dunque sciacquatele ben bene facendo molta attenzione a non maltrattarle (spesso si pensa che le marmellate si debbano preparare con frutta di scarto o troppo mature ma se si vuole ottenere un’ottima marmellata senza usare conservanti o fruttapec vi consiglio di avere dell’ottima frutta e non avrete mai brutte sorprese), asciugatele bene con della carta assorbente da cucina, eliminate il picciolo verde, tagliatele a pezzetti e mettetele dentro la pentola (la pentola la consiglio a doppio fondo).

Adesso passiamo al rabarbaro, se il rabarbaro ha la foglia, toglietela subito perchè non serve, lavate bene il rabarbaro sotto l’acqua corrente, asciugatelo con della carta assorbente da cucina, adesso con un coltetto togliete la parte esterna del rabarbaro (i filamenti), pulite insomma il rabarbaro come se steste pulendo un sedano, tagliatelo a pezzetti e unitelo alle fragole.

Adesso aggiungete alle fragole e rabarbaro lo zucchero, il pepe rosa in grani e il baccello di vaniglia inciso a metà.

Girate bene tutti gli ingredienti in modo da distribuire bene lo zucchero, coprite e mettete in un luogo fresco a macerare per 3-4 ore.

Trascorso il tempo di macerazione mettete sul fuoco a fiamma dolce a cuocere per circa 1 ora o al massimo 2 ore, controllate di tanto in tanto e girate spesso soprattutto verso la fine quando la marmellata inizierà ad essere asciutta in modo da non farla attaccare al fondo.

Invasate in vasetti sterilizzati in precedenza (la sterilizzazione dei vasetti è molto importante per non avere problemi di muffe e batteri), una volta versata la marmellata nei vasetti, chiudete con i coperchi e girateli a testa in giù in modo da fare il sottovuoto.

Buona domenica dalla vostra Lidia!

Continua a seguire il mio blog rimanendo aggiornato tramite i Social
CANNELLA AMORE E FANTASIA lo trovi su
FACEBOOK
TWITTER
GOOGLE+

Marmellata di fragole e rabarbaro

 

 

Precedente Coscia di tacchino e finocchi Successivo Pane con farro e lievito madre

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.