Crea sito

Danubio Salato con sesamo

Il Danubio salato è una torta di pasta brioche, la quale può essere farcita con versione dolce o salata. Tante palline soffici, formate da un impasto leggermente dolce. Io lo adoro in tutte e due le versioni. Quello dolce è golosissimo con: la marmellata, il cioccolato e le creme, perfetto a colazione. Il danubio salato, trovo che sia buonissimo per un finger food, un buffet e anche per una cena alternativa.

La versione che oggi vi presento è il danubio salato senza uova, ripieno con salame piccante e fontina, decorato con semi di sesamo. La mia lievitazione è preparata con il lievito madre, ma può essere sostituito con lievito di birra. Spero di aver stuzzicato la vostra gola, vi consiglio davvero di provarlo, magari per la cena. Potete farcire il vostro danubio salato con vari gusti di salumi e formaggi, volendo anche con le verdure.
Mani in pasta e prepariamo il danubio salato con salame piccante e fontina. 😉

Danubio salato
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo7 Ore
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti danubio salato

Danubio salato
  • 500 gFarina Manitoba
  • 60 gBurro a pezzi morbido
  • 25 gZucchero
  • 190 mlLatte
  • 120 mlAcqua
  • 13 gSale
  • 1Scorza di limone o arancia grattugiata biologico
  • 180 gLievito madre
  • 10 gLievito di birra fresco “in alternativa al lievito madre”

Per il ripieno

  • 220 gFontina “tagliata a quadretti”
  • 200 gSalame piccante

Per la copertura

  • 1Tuorli
  • 2 cucchiaiLatte
  • q.b.Semi di sesamo

Strumenti

  • Planetaria
  • Pennello
  • Teglia 24/26 di diametro con cerchio apribile

Preparazione del danubio salato

  1. Danubio

    Iniziate sempre con il rinfresco del lievito madre.

    Io rinfresco la sera, metto a riposare il panetto dentro un contenitore coperto con carta pellicola. Lo lascio a temperatura ambiente per tutta la notte.

    La mattina prendete il panetto e scioglietelo con 60 ml di acqua tiepida, “da i 120 ml” Una volta sciolto iniziate l’impasto per il danubio.

  2. Ho impastato a mano dentro una terrina bella capiente, altrimenti utilizzate una planetaria. Unite al lievito madre, la farina con la restante acqua e il latte. La scorza grattugiata dell’arancia e lo zucchero.

    Incorporate anche il burro morbido a pezzi e impastate. Alla fine unite il sale e continuate ad impastare, fino ad ottenere un panetto bello liscio e sodo.

  3. Danubio

    Mettete l’impasto a lievitare dentro una terrina, coperto con carta pellicola e in un luogo caldo. Va bene anche il forno spento, con la luce accesa.

    lasciate lievitare fino a quando non sarà raddoppiato di volume, ci vorrà circa 6 ore. Nel frattempo preparate il ripieno, tagliate la fontina a dadini e il salame a fettine.

  4. Una volta che l’impasto è pronto e ben lievitato, dividetelo in piccoli pezzi, circa 40/45 g l’uno. Dovete farli tutti uguali, se vi riesce difficile, pesate ogni pezzo.

    Appiattite ogni singolo pezzo di pasta e ponete dentro un po’ di salame e la fontina. Richiudete bene l’impasto e formate una pallina.

  5. Adagiate le palline ripiene nella teglia imburrata, una vicina all’altra senza pressarle troppo. Coprite con la carta pellicola e fatele lievitare per circa mezz’ora.

    Una volta che hanno lievitato, preparate dentro una ciotola il tuorlo con il latte leggermente sbattuto e spennellate la superficie del danubio salato.

  6. Danubio salato

    Ora cospargere le palline con i semi di sesamo, cuocete in forno statico a 180° per circa 35/40 minuti. Regolatevi sempre con la temperatura del vostro forno. Il danubio sarà pronto quando lo vedrete bello dorato.

    Buon Appetito!

  7. Danubio salato

    Se questa ricetta vi è piaciuta, non mancate alla prossima vi aspetto 🙂 

    Amici se volete seguirmi sarete sempre aggiornati sulle mie ricette.

     facebook  twitter  instagram  pinterest

Conservazione del danubio salato

Potete conservare il danubio salato dentro un sacchetto per alimenti, volendo può essere anche congelato e scongelato quando serve. Deve essere consumato entro 1 mese dal congelamento.

Se ti piace la pasta brioche potrebbe interessarti questa ricetta, Colomba di pasta brioche

Non perderti la focaccia con lievito madre è buonissima 😉

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.