Professione Food Blogger: 5 consigli per iniziare

Professione food blogger 5 consigli

Tutti gli appassionati di cucina che hanno voluto iniziare l’avventura del blog, si sono ritrovati sicuramente in alcune situazioni molto comuni per chi è alle prime armi. Dubbi e qualche piccolo intoppo che molto spesso sono deleteri per molti, che decidono così di abbandonare (o accantonare) la propria creazione.

Meglio quindi essere pronti fin da subito e cercare di organizzare il proprio lavoro al meglio per poter aumentare non solo il risultato prodotto, ma anche e soprattutto il nostro divertimento nel farlo.

Professione Food Blogger: 5 consigli per iniziare

  1. PREPARA TANTI ARTICOLI PRIMA DI COMINCIARE – Abbiamo già scritto un paio di ricette e siamo pronti e carichi per iniziare l’avventura. Apriamo il nostro blog, facciamo tutto in pochissimo tempo e cominciamo da subito a pubblicare il nostro primo articolo. Riusciamo anche a spammarlo nei social e magari abbiamo anche qualche piccola risposta. Un paio di giorni così e poi magari siamo presi da qualcosa nella nostra vita quotidiana che ci costringe a lasciare un attimo da parte il blog. Capiterà sicuramente di avere altri impegni, soprattutto nel primo periodo dove non avremo poi tutto questo feedback da parte del popolo della rete (non c’è stimolo migliore per noi). In questi momenti, più che mai, è utile aver già tenuto da parte una quantità cospicua di articoli. Ovvero prima di partire a razzo, cominciamo a mettere da parte contenuti. Organizziamo al meglio il nostro lavoro, vediamo quanto tempo abbiamo dedicato e quanto ne avremo in seguito. Teniamoci sempre almeno un discreto numero di giorni (o settimane) “coperte”, in cui potremo comunque pubblicare contenuti nuovi anche se siamo impegnati altrove.
  2. GUARDA ALTRI BLOG DI SUCCESSO – Scegliere una struttura grafica per il nostro sito è importante, ma è anche vero che è relativamente facile cambiarlo se troviamo qualcosa di meglio e più vicino ai nostri gusti. Ancora più importante è vedere come si scrivono gli articoli delle nostre ricette: quanto spazio dobbiamo occupare? Come conviene scrivere gli ingredienti? Che stile di narrazione è meglio utilizzare? Quante immagini dobbiamo mettere? Per rispondere a tutte queste domande (e a molte altre), dobbiamo anche guardare quali scelte hanno utilizzato altri blogger di successo. E’ il metodo migliore per cominciare nel migliore dei modi, o quantomeno con meno errori possibili. Ci accorgeremo spesso, che il metodo più utilizzato è anche quello più efficace (salvo poi essere pronti a “evolversi” in fretta se ci sarà da cambiare in corsa).
  3. APPROFONDIRE UN ARGOMENTO SPECIFICO – In un mare magnum di blog e contenuti come quello dedicato alla cucina, si è spesso portati ad “accomodarsi” in coda. Ovvero riproporre contenuti già ampiamente coperti centinaia di volte, che molto probabilmente non sarà facile portare in auge (troppa la concorrenza importante anche nei motori di ricerca). Meglio quindi provare a proporre intanto quanti più contenuti originali possibili, e poi se ne abbiamo la possibilità (e il desiderio) anche qualche argomento più specifico. Ne sono un esempio i “trend” stile Vegan o Senza Glutine a cui si stanno dedicando in maniera esclusiva molti Food Blogger. Ma nel nostro piccolo possiamo pensare anche a scelte meno drastiche: per esempio ampliare il nostro sito con qualche sezione più specifica di facile divulgazione. Se ci piacciono i dolci, magari creare una sezione dedicata ai “Dolci senza uova” o “Dolci senza burro” (sono entrambe chiavi di ricerca molto utilizzate). Insomma in qualche maniera dobbiamo renderci il più riconoscibili possibile.
  4. UN IMMAGINE VALE PIU’ DI MILLE PAROLE – E’ ormai assodato che una delle parti più importanti di qualunque articolo di cucina (e non solo) è proprio l’immagine di partenza. Molto più del contenuto stesso della ricetta infatti, la prima scelta che i nostri lettori faranno avviene attraverso l’immagine che abbiamo proposto in evidenza. Nessuno dovrà diventare un professionista di fotografia, ma è indubbio che dovremo dedicare un certo periodo di tempo nell’affinare le nostre immagini nel miglior modo possibile. Del resto, fortunatamente, in questa epoca moderna non ci mancano in mezzi per poter svolgere un ottimo lavoro anche senza particolari competenze e soprattutto senza spese eccessive. Essendo comunque argomento molto ampio e altrettanto fondamentale, ne parlerò dettagliatamente a parte nella sezione fotografica in allestimento.
  5. DOVRAI ESSERE SOCIAL – Essere ben posizionati nei motori di ricerca, così come utilizzare le giuste “parole chiave” nei nostri articoli, è certamente di grande importanza (e anche qua ne parleremo a lungo). Ma “essere social” è vitale. La maggior parte delle nostre visite infatti, soprattutto nei primi tempi, arriveranno proprio dai canali social che decideremo di frequentare, facebook ovviamente in prima fila. Come fare? Intanto creando una “Fanpage” di riferimento. I nuovi algoritmi di facebook sulle pagine, non aiuteranno moltissimo a coinvolgere i nostri fan, per cui dovremo essere noi ad andarli fisicamente a cercare. Iscriversi a gruppi di cucina è un primo passo fondamentale, ma anche qua, pensare che basti semplicemente iscriversi a qualche centinaio di gruppi e poi condividere le nostre ricette per essere letti, è un comune errore. Si può paragonare la cosa alla poesia: moltissimi le scrivono, quasi nessuno le legge (e le compra). Nei gruppi funziona più o meno così. Tutti “Spammano” (condividono le proprie ricette), ma pochissimi perderanno tempo nel leggere realmente i vostri articoli. Diventa fondamentale quindi creare un qualche tipo di rapporto, ovvero cominciare per primi a creare una discussione con altri utenti: cliccare like sui loro articoli, commentare, parlarci insieme e via dicendo.

Precedente Polpo al sugo di vino e pomodoro Successivo Funghi gratinati con maionese di castagne