Polpo con crema di cipolle e patate

Polpo Vellutata Patate Cipolla

Che oltre al vino mi piaccia il pesce direi che dopo queste prime ricette pubblicate, si era ormai capito. In questo caso voglio preparare un polpo con crema di cipolle e patate. Colonna sonora del tentacolare octopus sarà questa volta la sinfonia numero 2 di Mahler, “Resurrection”. Sperando che il polpo non lo sappia. Il tutto annaffiato dall’ennesimo bianco (anche qua si è capito che è il mio vino preferito al momento?), una “passerina” DOC. Non fraintendete, si chiama così in onore dei suoi acini piccoli e gustosi, particolarmente amati dai passeri. Come dargli torto.

INGREDIENTI

1 Polpo da almeno 500gr
150gr di Fagiolini
2 Patate
1 Cipolla rossa di Tropea
Sale, Pepe, EVO

Abbiamo circa un’oretta per finire il nostro vino, e il nostro piatto. Per cui con molta calma possiamo mettere sul fuoco l’acqua in una pentola sufficientemente grande da contenere il polpo. Al suo interno anche sale e i classici odori da brodo come carota, cipolla e sedano in modo da insaporire e utilizzare poi l’acqua di cottura anche per la crema.

Quando l’acqua bolle, immergiamo per qualche secondo e per tre volte i tentacoli del polpo, in questo modo li faremo arricciare ottenendo la classica configurazione per l’impiattamento. Dopo di che lasciamolo tutto a mollo per circa 50 minuti prima di spegnere il fuoco. Lasciamolo comunque ancora un po’ dentro la pentola mentre raffredda.

Ora mettetevi comodi e ascoltate un po’ di Mahler sorseggiando la vostra passerina.

Fatto? Ok, ora possiamo pelare e affettare le nostre patate, metterle in una padella con la cipolla, condire e unire un mestolo dell’acqua di cottura del polpo. Se si asciuga troppo rabboccare ancora durante la cottura. Dovremo creare una crema quindi lasciate pure andare oltre fino a che le patate non sono molto tenere.

Nel mentre possiamo anche buttare in acqua bollente i nostri fagiolini, giusto una sbollentata di sei o sette minuti. Poi togliere e metterli in acqua e ghiaccio per fermare la cottura e lasciare un bel colore verde.

A questo punto non resta che aspettare. Mentre lasciamo raffreddare il polpo nella sua acqua, prendiamo il contenuto della padella con patate e cipolla e frulliamo unendo anche un goccio di olio e una noce di burro (se è troppo denso anche un altro po’ di brodo).

Togliamo finalmente il polpo che dovrebbe risultare molto tenero, tagliamolo in piccoli pezzetti lasciando dei bei tentacoli arricciati da mettere poi al centro del piatto dopo aver fatto il fondo con la nostra crema di patate. Disponiamo gli altri pezzi in ordine sparso e uniamo anche dei fagiolini tagliati a pezzi piccoli.

Mettetevi a tavola e gustate questo bel piatto, finendo passerina e Mahler. Cos’altro volere di più?

Precedente Vellutata, Crema e Passato: qual'è la differenza? Successivo Acidulare in cucina: che cosa significa?