Crea sito

Pittule

pittule

Eccoci arrivati a metà maratona digestiva! Natale e S. Stefano sono passati e già sto pensando a cosa preparare per il Veglione di Capodanno. Mi è venuta un’idea: le pittule; sicuramente sono fantastiche presentate come antipasto, o come aperitivo.

Le pittule le ho assaggiate la prima volta durante una vacanza in Salento.

Sono morbide palline di pasta lievitata fritte; sono appunto originarie della Puglia e in genere vengono preparate durante le festività, ma sono così buone che, vi assicuro, si mangiano volentieri anche in qualsiasi altro periodo.

Si possono cucinare semplici o anche farcire: con un’acciuga, o con un’oliva, o un pezzetto di pomodoro secco, o una fogliolina di salvia…. in ogni caso il successo è assolutamente assicurato anche nella versione semplice, come le ho fatte io!

Per preparare le pittule bastano pochissimi ingredienti, io ho sostituito la farina tipo 00 con la semintegrale; è necessario però avere una mezza giornata a disposizione per i tempi di lievitazione e di frittura.

Pittule

Ingredienti

Per l’impasto

  • 500 g di farina di grano semintegrale tipo 1
  • 400 g di acqua frizzante tiepida
  • 12 g di lievito di birra fresco
  • 12 g di sale
  • 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva

Per friggere

olio extravergine d’oliva

Procedimento

La preparazione è molto semplice: ho sciolto il lievito di birra nell’acqua frizzante, mescolato la farina con il liquido ottenuto, con l’olio extravergine d’oliva e con il sale.

Fatte queste operazioni ho ottenuto una pastella densa ed appiccicosa, che ho lasciato riposare coperta con un canovaccio umido almeno tre ore e comunque fino al raddoppio del volume.

Nel periodo freddo vi consiglio di fare riposare l’impasto nel forno con la luce accesa.

Dal momento in cui l’impasto ha raggiunto la massima lievitazione, in un pentolino alto con la base stretta, ho messo a scaldare l’olio per friggere. Scegliere il contenitore giusto vi permetterà di risparmiare olio ed ottenere una buona cottura.

Quando l’olio è arrivato alla giusta temperatura (circa 170°C), aiutandomi con 2 cucchiaini, ho cominciato a porzionare l’impasto versandone delle piccole quantità nel pentolino.

Le pittule si sono subito gonfiate, hanno assunto una forma tondeggiante e le ho lasciate friggere rigirandole finchè hanno assunto una bella colorazione dorata.

A fine cottura le ho messe a riposare su un foglio di carta assorbente.

Vanno servite calde… e buon appetito!

Se vi è piaciuta la ricetta, o avete qualche suggerimento o domanda, lasciate un commento alla fine del post, mettete “mi piace” o condividetela sui social ! Sarà un piacere discuterne con voi!

4 Risposte a “Pittule”

  1. Sono buonissime, sia da sole sia accompagnate da salumi e formaggi ! (Almeno una volta all’anno si può fare un’eccezione 😆) Ottima ricetta 👏👏👏👏

  2. Mi piace molto il tuo suggerimento per il cenone, Anna, sembrano semplici, ma golosissime, quasi quasi le faccio davvero… E approfitto per augurarti buon 2020!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.